thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - La Juventus deve fare in fretta se vuole assicurarsi il talentuoso Baselli. Sul regista dell'Atalanta c'è anche l'interesse di Milan e Fiorentina, pronte ad inserirsi.

  Romeo Agresti
Corrispondente Juventus per Goal Italia

Daniele Baselli ha conquistato l’Atalanta. Ventidue presenze distribuite tra campionato e Coppa Italia, prestazioni importanti che hanno convinto gli addetti ai lavori, pronti a scatenarsi pur di acquisire il 22enne regista orobico.
 
La Juventus, cercando di anticipare la concorrenza, nel mese di gennaio ha tentato l’approccio colloquiando con Pierpaolo Marino, factotum dei lombardi, grande amico dell’a.d. Beppe Marotta. Madama, intenzionata ad acquisire il doppio pacchetto Baselli-Zappacosta, con quest’ultimo che si avvia a passare in bianconero - via Avellino -  con la formula della compartecipazione, se vorrà realmente acquisire il giovane centrocampista nerazzurro, inevitabilmente, dovrà duellare aspramente con altre società interessate, vedi Fiorentina e Milan, club pronti a formulare offerte ufficiali in direzione Bergamo.
 
Toscani e meneghini, infatti, da mesi operano a fari spenti su questa pista e, nonostante proprio i campioni d’Italia stiano ponderando il balzo decisivo, nessuno scenario al momento è precluso.Settimana dopo settimana, per la gioia della famiglia Percassi, la valutazione aumenta sensibilmente, complice l’ottimo operato di Stefano Colantuono, da sempre abile nel valorizzare il proprio parco calciatori.
 
I bene informati narrano che con 5-6 milioni e, soprattutto, attraverso un’azione decisa, si può tentare di rilevare la compartecipazione di Baselli, cifra indubbiamente importante, ma al tempo stesso decisamente lungimirante.

Insomma, l’ennesimo pregevole diamante sfornato dall’Atalanta fa gola a molti  e, di conseguenza, il pericolo asta inizia a diventare un’ipotesi assai concreta; prospettiva che non entusiasma certamente gli uomini di corso Galileo Ferraris, i quali in certe dinamiche, solitamente, preferiscono non addentrarsi.
 
Il tempo però stringe e, soprattutto, le pretendenti aumentano. La Juventus, dunque, dovrà prendere una decisione a stretto giro di posta, magari sfruttando gli ottimi rapporti consolidati negli ultimi anni con gli orobici, ogni riferimento alle doppia operazione Padoin-Peluso è puramente voluto.


Sullo stesso argomento