thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Nelle scorse settimane alcuni intermediari tedeschi hanno sondato il terreno per Arturo Vidal, che la Juventus però continua a ritenere assolutamente incedibile.

  Romeo Agresti
Corrispondente Juventus per Goal Italia

Vestire la casacca del Bayern Monaco, in un periodo storico assai felice per la compagine teutonica, intriga quei calciatori che, senza tergiversare, puntano a conquistare tutto e in tempi brevi. Così, infatti, ti puoi ritrovare a ingaggiare agevolmente Robert Lewandowski senza versare un centesimo al Borussia Dortmund, così ti puoi permettere di garantire 40 milioni nelle casse dell’Athletic Bilbao per acquisire Javi Martinez. Insomma, economicamente hai pochi rivali e, forte di un grande fascino internazionale, assicurarsi i migliori pezzi pregiati europei, anche a parametro zero, diventa quasi un gioco elementare.
 
A Monaco di Baviera, però, l’asticella si alza costantemente. E se vincere da quelle parti è diventata una splendida abitudine, urge stravincere, concetto che vige giorno e notte nella mente di Pep Guardiola, tecnico dei biancorossi, sbarcato in terra tedesca con l’intento di rasentare la perfezione, la stessa toccata nella passata stagione da Jupp Heynckes, idolo dell’Allianz Arena.
 
La rosa, si sa, eccelle già nella sua totalità. Occorre, dunque, ideare aspetti innovativi per incrementare la qualità della stessa e, contemporaneamente, cercare di fornire costantemente nuove motivazioni, ingrediente fondamentale per allungare la striscia vincente.
 
Arturo Vidal, per esempio, sposerebbe pienamente le ambizioni bavaresi, vecchio pallino di Karl-Heinz Rummenigge, profilo fortemente corteggiato negli ultimi anni dall’intero globo Bayern Monaco. Ebbene, nonostante a Torino continuino a declinare tutte le proposte pervenute in corso Galileo Feraris per l’asso cileno, intermediari tedeschi nelle ultime settimane hanno tentato – senza fortuna – di tornare sull’argomento, cercando di trovare complessi spiragli di apertura.

Il forte centrocampista 26enne di Santiago vuole rimanere nel capoluogo piemontese; la Juventus non vuole cedere un pezzo imprescindibile. Quindi, sostanzialmente, doppia chiusura. In maniera del tutto scontata, e non potrebbe essere altrimenti vista l’alta qualità in ballo, al termine della stagione inizieranno i classici tormentoni estivi, offerte da capogiro provenienti da mezz’Europa, prova di forza societaria da attuare.

L’a.d. Beppe Marotta e il d.s. Fabio Paratici, dal canto loro, non si pongono minimamente il problema, lo scorso dicembre si sono assicurati le prestazioni del cileno fino al 30 giugno 2017 e, sebbene le tentazioni non siano mancate, sotto la Mole non hanno mai preso seriamente in considerazione l’opportunità di realizzare una plusvalenza magistrale, respingendo gli attacchi di Florentino Perez, grande estimatore di Vidal, pronto a compiere follie pur di portarlo al Real Madrid.
 
La Juventus, intenzionata a sbarcare sul mercato con l’intento di puntellare un organico di spessore, non intende lasciare partire i propri top player, linea guida necessaria per cercare di impensierire le big europee e, soprattutto, per rendere felice Antonio Conte, assoluto protagonista della rinascita bianconera. E anche questa volta, per la gioia dei tifosi zebrati, il Bayern Monaco dovrà cambiare obiettivo.

Sullo stesso argomento