thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Buon inizio di avventura in bianconero per Osvaldo, la Juventus apprezza l'atteggiamento, ora si pensa al riscatto, ma a cifre inferiori di quelle pattuite.

  Romeo Agresti
Corrispondente Juventus per Goal Italia

A 28 anni, se vuoi fare realmente il grande salto, non puoi più permetterti di sbagliare. E Osvaldo, da quando ha deciso di misurarsi nel contesto della Juventus, questo concetto lo ha completamente assimilato, profondendo grande professionalità e fornendo contributi interessanti destinati ad aumentare di incisività.
 
Musica per le orecchie di Antonio Conte, vero regista dell’operazione invernale, fiero sostenitore del centravanti argentino naturalizzato italiano. Con due reti realizzate in Europa League e prestazioni importanti fornite in campionato, il bomber di proprietà del Southampton ha conquistato la fiducia del tecnico salentino, integrandosi nel migliore dei modi in un contesto altamente competitivo.

Per il momento, in corso Galileo Ferraris, si limitano ad archiviare in maniera soddisfatta questo avvio di matrimonio, spostando l’asticella verso qualcosa di più significativo, ovvero l’ipotetico riscatto al termine della stagione. Missione tutta da analizzare e sviluppare, opzione sull’agenda dei dirigenti torinesi, i quali però sicuramente non verseranno i 19 milioni richiesti dagli inglesi.
 
Osvaldo si gioca molto, la riconferma è uno scenario plausibile, soluzione caldeggiata fortemente dallo stesso calciatore, deciso a rimanere nel capoluogo piemontese, società ideale per iniziare a vincere e, soprattutto, per compiere il tanto agognato salto di qualità.

L’ex romanista, dal canto suo, in poco tempo è riuscito a integrarsi in maniera ottimale nello spogliatoio zebrato, entrando in punta di piedi, abnegando una cultura del lavoro – a detta dei bene informati – a dir poco invidiabile, sottolineata da brillanti test fisici, nonché dalla massima disponibilità. Insomma, uno dei primi ad arrivare a Vinovo, uno degli ultimi a lasciare il centro di allenamento.
 
Per decifrare il futuro della vicenda, indubbiamente, ci vorrà ancora del tempo, ma la Juventus inizia a muovere i primi passi e, se i contributi dovessero continuare a rivelarsi di pregevole fattura, per l’a.d. Beppe Marotta e il d.s. Fabio Paratici scatterebbe la missione oltremanica. Intanto, però, Osvaldo acquisisce sempre più consensi positivi tra le fila dei campioni d’Italia. Segnali beneauguranti.

Sullo stesso argomento