thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Appare più che certo che la società bianconera farà andare Fabio Paratici in persona in Portogallo per scovare talenti tra Benfica, Porto e Sporting Lisbona.

  Romeo Agresti
Corrispondente Juventus per Goal Italia

Costantemente alla ricerca di talenti da scovare per l’Europa. Con questa prerogativa gli uomini di corso Galileo Ferraris si apprestano a sbarcare in Portogallo, fase di scouting attivissima, emissari bianconeri pronti a setacciare diamanti di qualità monitorando molteplici partite. A tal proposito, sebbene William Carvalho (’92) dello Sporting Lisbona sia stato osservato in diverse occasioni dagli 007 Juventus, Madama conta di ampliare le opzioni e, infatti, questa missione avrà l’intento di individuare calciatori da valutare a medio e lungo termine.
 
Il d.s. Fabio Paratici, sempre interessato alla materia, ha già stilato le linee guida, coordinando difatti la rete osservatori, la quale vanta numerosi professionisti di spessore pronti a soddisfare le richieste dei loro superiori. A tal proposito, sebbene nel capoluogo piemontese stiano ancora ponderando le date dei match da scrutare in maniera minuziosa, sotto la Mole – come ormai da consuetudine – le idee appaiono piuttosto chiare e, secondo i bene informati, lo stesso diesse piacentino potrebbe muoversi in prima persona, chiaro segnale di interesse.
 
Benfica, Sporting Lisbona e Porto, compagini caratterizzate da pregevoli individualità, ciclicamente riescono a valorizzare in maniera esponenziale il proprio patrimonio tecnico, modus operandi che ormai ha fatto scuola tra chi non è munito di ingenti risorse monetarie, modello da seguire considerando anche il complesso periodo economico italiano. Tuttavia, e la Juventus lo ha ribadito in più circostanze, a Vinovo non vogliono cedere i propri big, anzi, operano per cercare di acquistarne altri, controllando con cura maniacale sempre il tanto caro bilancio.
 
A inizio aprile, secondo quanto raccolto da Goal Italia, la Vecchia Signora effettuerà questa spedizione, tappa prestabilita dopo le spedizioni recenti targate Francia e Germania, mossa necessaria per cercare di anticipare – in caso di occasioni concrete – la concorrenza. E intanto scatta la caccia al nome…

Sullo stesso argomento