thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - La Juventus è pronta a prendere la metà di Zappacosta e continua a monitorare anche Baselli per il quale spinge la Fiorentina ma non solo.

  Romeo Agresti
Corrispondente Juventus per Goal Italia

Davide Zappacosta e Daniele Baselli, talenti del calcio italiano, scovati per l’ennesima volta dalla lungimiranza orobica, pronti al definitivo decollo.

L’Atalanta, in vista della compravendita estiva, si frega le mani e inizia a ipotizzare possibili ricavi. Le sirene juventine, soprattutto per quanto concerne il terzino destro classe ’92 sono forti e, al termine della stagione, sull’asse Torino-Bergamo qualcosa accadrà.
 
Zappacosta, diviso a metà tra i lombardi e l’Avellino, dopo una proficua esperienza campana si starebbe avviando verso la Dea. L’idea della Juventus, infatti, consiste nell’acquisire la compartecipazione del calciatore di Sora, così da poterlo valutare attentamente nella massima serie con la casacca nerazzurra. Soluzione che soddisfa Pierpaolo Marino, factotum atalantino, sempre pronto ad imbastire affari con il collega-amico Beppe Marotta. Insomma, operazione giunta agli atti conclusivi.
 
Per Baselli, invece, per il momento regna ancora l’incertezza. Il regista bresciano classe ’92, sempre più in auge nelle gerarchie di Stefano Colantuono, piace molto in corso Galileo Ferraris, così come intriga particolarmente i pensieri toscani. A Firenze, infatti, lavorano per cercare di ostacolare la corsa juventina, target ideale per iniziare a preparare il terreno post David Pizarro, giocatore graditissimo a Vincenzo Montella.

Per acquisire la comproprietà del giovane atalantino, secondo quanto raccolto da Goal Italia, servono 5-6 milioni, cifra ingente ma che potrebbe rivelarsi previdente.

Madama, soprattutto dopo aver prelevato il duo Padoin-Peluso, con l’Atalanta vanta una corsia preferenziale. E se per Zappacosta il futuro è ormai scritto, per Baselli occorrerà prodigare uno sforzo considerevole dal momento che la concorrenza esiste ed è agguerrita.

I viola, come spiegavamo, premono, ma anche Inter, Milan e Roma – seppur in maniera più distaccata – monitorano interessate.

Nelle prossime settimane, tuttavia, i dirigenti torinesi incontreranno nuovamente Marino e soci per fare il punto della situazione, mossa che potrebbe rivelarsi decisiva, azione doverosa per evitare brutte sorprese.

Zappacosta sì, Baselli nì. Per il momento si viaggia su questo doppio binario, impostato accuratamente nella compravendita invernale, destinato a regalare novità a lungo termine. Juventus-Atalanta: fronte rovente.

Sullo stesso argomento