thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Mourinho chiama Javier Zanetti, lo vuole al Chelsea per una stagione per poi farlo entrare nella dirigenza Blues. Tentazione londinese per il capitano dell'Inter.

  Fabrizio Romano
Corrispondente Inter per Goal Italia

London calling. A sorpresa, quando meno te lo aspetti, il telefono può squillare. L'Inghilterra chiama, risponde Javier Zanetti. Una bandiera dell'Inter, un pezzo di storia che aspetta ancora di conoscere definitivamente il suo futuro: dal calcio giocato a un posto in dirigenza, i dubbi sono da sciogliere e proprio in questi giorni è previsto un incontro tra Zanetti e il presidente Erick Thohir per capire come è possibile definire la stagione 2014/2015 che verrà in nerazzurro.

Ma tra tante idee, trattative e ipotesi è spuntata a sorpresa anche una chiamata... Speciale. Quella di José Mourinho, mai indifferente a Zanetti e sempre in rapporti straordinari con il capitano dell'Inter.

L'idea nasce proprio da Mou e dal Chelsea, una tentazione che da tempo è nelle idee dello Special One. Portare Javier Zanetti a Stamford Bridge con un'idea di contratto perfetta per accontentare l'argentino: una stagione da giocatore, la prossima, in Premier League dove le leggende come Zanetti sono apprezzatissime; poi, un posto in dirigenza come braccio destro di José Mourinho in persona e uomo addetto al mercato dei Blues per conto del portoghese che con Javier conquistò l'indimenticato Triplete nerazzurro nel 2010.

Una proposta informale ma concreta, già presentata nei colloqui con Zanetti, per il quale non mancano le tentazioni in un'avventura di tale prestigio. Fino a questo momento, Javier non ha dato una risposta: l'amore per l'Inter è sempre la prima cosa, Milano è la sua città adottiva, il futuro in dirigenza nerazzurra resta l'ipotesi più accessibile, più voluta e dunque più probabile perché al cuor non si comanda.

Ma il Chelsea ci sta concretamente provando, l'idea di una figura come Zanetti in dirigenza convince anche Roman Abramovich, stregato dalla sua importanza a livello internazionale e sempre sicuro di fidarsi di José Mourinho in qualsiasi cosa, ancor più in questa pazza idea.

Insomma, il Chelsea prova a tentare Zanetti. Che adesso parlerà direttamente con Thohir, dando ancora e sempre priorità all'Inter, cercando di capire se ci saranno i margini per giocare un altro anno e con quali condizioni, senza voler essere mai un peso o un parafulmine per la società; in alternativa, si discuterà di quello che potrà essere il suo ipotetico contratto da dirigente, con quali mansioni e in che modo svilupparlo.

Adesso starà all'Inter e a Zanetti dirsi ancora sì, dopo un matrimonio sul campo sempre straordinario e amatissimo da tutto il popolo nerazzurro come apprezzato da chiunque segua il calcio. La voglia di unirsi ancora c'è, bisognerà capire come e con quale proposta, senza assolutamente farne un discorso economico ma esclusivamente per comprenderne compiti, sviluppi e ruolo di lavoro oltre al fattore legato all'idea di giocare un altro anno.

Alla finestra però c'è il Chelsea, intenzionato a provare a convincere Javier con l'attraente parola di Mourinho e un'avventura travolgente. Cosa deciderà il capitano? Priorità all'Inter, l'amore prima di tutto. Ma Londra chiama davvero. Per le risposte definitive ci sarà tempo.

Sullo stesso argomento