thumbnail Ciao,

Marotta torna sui giorni caldi che hanno caratterizzato il mercato della Juventus: "Con l'Inter c'era solo un accordo verbale, Osvaldo è un'opportunità per alzare la concorrenza".

Il mercato si è chiuso, ma Beppe Marotta coglie l'occasione per tornare sull'affare Guarin sfumato tra Juventus e Inter. Il derby d'Italia consente all'amministratore delegato bianconero per ripercorrere le tappe che hanno 'infiammato' la sessione invernale di Madama.

"Guarin non gioca per altri motivi, non perchè avesse firmato qualcosa con noi - ha precisato Marotta a 'Sky' - C’era un accordo verbale per autorizzazione dell’Inter poi non abbiamo proceduto con lo scritto. vogliamo abbassare i toni. Abbiamo accolto l'Inter come si suole fare".

Insomma, Marotta tende la mano: "Dal punto di vista politico combattiamo molte battaglie insieme, per il resto sono cose che succedono, vanno rimarcate quando ci sono atteggiamenti non consoni. Volevo fare chiarezza dal momento che la Juventus è stata tirata in ballo con un comunicato".

Chiusura su Osvaldo: "Volevamo cogliere quelle opportunità che erano coniugazione di vantaggi tecnici ed economici, prestito gratuito ed il giocatore si è ridotto drasticamente lo stipendio. Il diritto di riscatto fissato a 19 milioni è abbastanza aleatorio, vogliamo valutare come si adatterà all’ambiente poi vedremo se ci sono i termini per acquisirlo. L’obiettivo era quello di alzare concorrenza e stimoli poi srarà a Conte decidere domenica in domenica".

Sullo stesso argomento