thumbnail Ciao,

La Juventus stringe il cerchio intorno ad Osvaldo, accordo praticamente raggiunto con il giocatore. In partenza uno tra Vucinic e Quagliarella, sul quale resta forte la Sampdoria.

Il ritorno di Pablo Osvaldo in Italia potrebbe presto divenire realtà. Tutto merito della Juventus che, in caso di addio ad uno tra Vucinic (probabile) e Quagliarella (difficile), come anticipato ieri in esclusiva da noi di Goal, ha individuato proprio nell'attaccante attualmente in forza al Southampton l'uomo giusto per integrare il proprio reparto offensivo.

Osvaldo, secondo quanto riportato da 'Tuttosport', avrebbe già accettato la proposta bianconera: contratto fino al 30 giugno del 2014 e prestito secco. Tre i milioni netti che verranno percepiti dall'italo-argentino per i prossimi cinque mesi, bonus compresi. Prima però per Marotta sarà necessario sfoltire, anche per evitare un bruciante sorpasso proprio all'ultima curva, magari da parte di quell'Inter tornata acerrima rivale sul mercato, almeno a parole.

La Juventus lavora con il Southampton per un prestito oneroso intorno ai due milioni, con riscatto già fissato a quota dieci. Forte la concorrenza di Monaco, Valencia e West Ham. Le pretendenti per Osvaldo insomma non mancano. Marotta e Paratici lo sanno, occorre stringere i tempi. In tal senso possibile una riapertura del dialogo con l'Inter per Vucinic, sempre forte infatti volontà del montenegrino di passare in nerazzurro.

Senza dimenticare Quagliarella che, nonostante le rassicurazioni dell'agente Bozzo circa una sua permanenza alla Juventus, resta nel mirino della Lazio e, soprattutto, della Sampdoria. I biancocelesti infatti hanno ormai chiuso per Helder Postiga, diverso il discorso per i blucerchiati che, dopo l'acquisto di Maxi Lopez, non disdegnerebbero portare a casa un altro cavallo di ritorno. Blucerchiati ai quali, secondo quanto riportato da 'Il Secolo XIX', Madama avrebbe chiesto la metà del giovane portiere Fiorillo.

Infine ieri vertice tra Marotta e Pierpaolo Marino, sul tavolo il futuro di Baselli e Zappacosta. Entrambi giovani, entrambi talentuosi, entrambi prepotentemente nel mirino della Vecchia Signora. Sondaggi per il momento, o poco di più. La Juventus si muove per il presente e costruisce il futuro.

Sullo stesso argomento