thumbnail Ciao,

Asse caldissimo tra Inter e Lazio, si tratta per Hernanes. Valutazione di 17 milioni, nell'operazione l'intero cartellino di Mbaye, che però non ha ancora l'accordo con Lotito.

  Fabrizio Romano
Corrispondente Inter Goal Italia

Manca poco, ormai. E con Erick Thohir a Milano, il calciomercato dell'Inter entra davvero nel vivo. Su diversi fronti, tra entrate e uscite. Definito l'affare D'Ambrosio anche nei dettagli come previsto, quello decisamente più caldo in questi minuti è il fronte legato a Hernanes. Perché il Profeta non ha mai smesso di essere in cima alla lista dell'Inter, che da due settimane ha fatto presente alla Lazio di volere fortemente il brasiliano.

Per questo in mattinata c'è stato un contatto tra le società nel pieno centro di Milano, cui sono seguiti dei contatti che stanno proseguendo in queste ore bollenti. Protagonista diretto proprio Erick Thohir, sceso in campo in prima persona nel discutere di Hernanes. Una situazione tutt'altro che facile, perché la Lazio ne fa una valutazione che si aggira attorno ai 17 milioni. Ma i club si avvicinano costantemente.

Pagarli cash per l'Inter è sostanzialmente impossibile. Per questo si sta discutendo di contropartite tecniche, due le richieste precise di Claudio Lotito avallate da Reja: l'inserimento di Ibrahima Mbaye e/o Francesco Bardi nell'operazione per abbassare la parte economica fissa.

L'Inter non vuol parlarne per quanto riguarda il portiere, mentre c'è il via libera per l'esterno, che pure era stato messo nei programmi per il futuro. Da parte del giocatore, tra l'altro, nessuna preclusione al trasferimento in biancocelste. Possibile che il suo cartellino diventi interamente dei biancocelesti, visto il rifiuto nerazzurro di considerare Bardi come contropartita. In sostanza, dunque, circa 12 milioni più Mbaye per Hernanes.

Il giovane centrocampista, attualmente a Livorno, non ha però ancora trovato l'accordo con Lotito. Così come manca l'ok del presidente labronico Spinelli all'operazione. Poco più che una formalità comunque, tanto che l'agente di Hernanes è atteso domani in Italia per chiudere l'affare. Mbaye alla fine potrebbe restare in Toscana con la formula del prestito, almeno fino a giugno.

L'Inter dal canto suo è forte anche di quella che è un'intesa economica di massima già nel cassetto da giorni con l'entourage del Profeta: Hernanes avrebbe un contratto di quattro anni per oltre 2 milioni di parte fissa più bonus. Non un contratto firmato, ovviamente, ma discusso verbalmente e approvato dal brasiliano, aspettando di limarlo nel caso in cui Inter e Lazio dovessero davvero trovare quell'accordo che si sta cercando ma non è stato trovato ancora.

Sta provando a smorzarlo Thohir, non è facile. Anche perché Ausilio e Branca sono contemporaneamente al lavoro anche su altri fronti: Fredy Guarin ha chiesto un incontro e lo otterrà per capire la sua situazione in via definitiva; Ranocchia può andare al Galatasaray in prestito, l'Inter cerca di strappare un diritto di riscatto ma i turchi non ci sentono e in caso di mancanza di altre proposte (il Borussia Dortmund ha fatto un passo indietro, decisamente innervosito dal tira e molla sul prezzo) potrebbe chiudersi il prestito secco; Belfodil ha trovato problemi nell'intesa col QPR e adesso cerca sistemazione, mentre bisogna firmare e depositare i documenti di D'Ambrosio per poi liberare Wallace di ritorno al Chelsea dal prestito.

Giri di mercato, al centro c'è il Profeta. Che adesso aspetta due parole: via libera. Non sarà facile, ma è ancora lunga...

Sullo stesso argomento