thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Respinta un'offerta dal Galatasaray, Nainggolan vuole restare in Italia. E la Juventus si è mossa prima di tutti, Inter e Milan compresi.

Vittoria con l'Avellino, ultimo impegno esterno con l'Atalanta e, successivamente, i botti invernali. La sosta natalizia, infatti, non coinvolgerà Beppe Marotta e Fabio Paratici, uomini mercato della Juventus, sempre operativi a maggior ragione in prossimità dell'apertura della compravendita di riparazione, situazione importante per rinforzare l'organico, finestra in cui si possono cogliere occasioni di tutto rispetto.

In corso Galileo Ferraris, come da consuetudine negli ultimi tempi, sono abituati a operare seguendo dettami studiati, approfonditi e ben delineati. Obiettivi chiari, da centrare centellinando le risorse economiche, tasselli da inserire in un progetto vincente.

Radja Nainggolan, 25enne centrocampista del Cagliari, rappresenta l'assoluta priorità e, nonostante nelle ultime ore Inter e Milan abbiano provato a contrastare l'avviato treno bianconero, da Vinovo continua a filtrare grande ottimismo. Sotto la Mole si sono mossi con grande anticipo, rispettando la posizione cagliaritana, situazioni che caldeggiano e fortificano l'offensiva bianconera, sfociata in un incontro con il patron dei rossoblù, Massimo Cellino, in quel di Milano, da sempre capitale italiana degli affari.

Mettere le mani immediatamente sul belga, seguendo il Marotta pensiero, comporterebbe un doppio beneficio: sbaragliare la concorrenza e, ovviamente, fornire ad Antonio Conte un rinforzo di spessore, duttile, pronto a misurarsi in un contesto assai competitivo. La Juventus vuole onorare nel migliore dei modi anche l'Europa League e, per farlo, occorre che la rosa vada potenziata adeguatamente.

L'infortunio di Andrea Pirlo, inoltre, sottolinea l'importanza di avere un parco mediani numericamente all'altezza e, nonostante all'occorrenza Asamoah possa essere schierato nel suo ruolo nativo, mezzo-sinistro, spalancare le porte a un innesto non appare una cattiva idea. Per lo più se l'inserimento è di pregevole caratura.

Alessandro Beltrami, agente del metronomo cagliaritano, è in costante contatto con la Juventus, sta operando attivamente in funzione del trasferimento immediato e, contemporaneamente, chiude le porte estere. Nainggolan vuole rimanere in Italia, prova dispiacere nel lasciare la Sardegna e, soprattutto, ritiene sia fondamentale emigrare verso altri lidi per svoltare professionalmente.

Curiosità. Il Galatasaray, dopo aver messo nel mirino Jonathan Biabiany del Parma, avrebbe sondato il terreno pure con il belga, comprendendo fin da subito come la missione fosse proibitiva. Il tecnico dei turchi, Roberto Mancini, guarda in Italia, vanta una grande responsabilità, ovvero l'opportunità di investire in prima persona soldi freschi, assumendo difatti il ruolo di manager a tutti gli effetti.

A Istanbul si preparano a saccheggiare il campionato italiano e, dopo l'interessamento targato Davide Astori, con il Cagliari è stato affrontato – senza fortuna – il tema legato a Nainggolan. Picche.

Segui Romeo Agresti su

Sullo stesso argomento