thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Honda e Rami sono operazioni già concluse ma il Milan non si fermerà qui. Spunta l'idea Hernanes, magari offrendo alla Lazio Matri.

Obiettivi chiari e intenti comuni. E’ così che iniziano a muoversi i due amministratori delegati del Milan. Adriano Galliani ha fatto sapere di aver voglia di collaborare con Barbara Berlusconi e allora, come si suol dire, via alle danze.

Si comincerà proprio con il mercato invernale, quello attraverso cui il club rossonero dovrà tentare di colmare alcune lacune importanti. Con l’arrivo di Honda Allegri potrà puntare sull’albero di Natale in campionato, ma in coppa non potrà utilizzare il giapponese che ha già giocato nei gironi con il Cska di Mosca. Sarà, invece, abile e arruolabile Rami, di cui però ancora si conosce poco il valore. Di sicuro il suo arrivo porterà al prestito del giovane difensore colombiano Vergara e, come ha recentemente dichiarato lo stesso Galliani, alcuni giocatori in esubero verranno scambiati per tentare di coprire le zone più bisognose. Il primo sarà, appunto, Vergara. Poi arriverà il turno di Cristante, quasi mai utilizzato in questa stagione. Al suo posto a centrocampo, però, c’è più che mai bisogno di un arrivo importante. Nell’andata degli ottavi di Champions League che si giocherà a San Siro contro l’Atletico di Madrid, infatti, il Milan non potrà contare su Montolivo e Muntari, entrambi squalificati.

L’obiettivo numero uno è Parolo. Il giocatore del Parma ha avuto un’importante ascesa nella sua carriera che lo ha portato addirittura alla convocazione in Nazionale. E’ vero che ha poca esperienza a livello internazionale, ma è anche vero che i centrocampisti papabili di maggiore esperienza hanno già giocato nella prima parte della Champions League e di conseguenza diventerebbero inutilizzabili per gli ottavi. Ecco perché Adriano Galliani punta su nomi meno altisonanti, ma che comunque hanno buone possibilità di dare garanzie. A proposito di Parolo, sembra che il presidente del Parma Ghirardi inizialmente fosse propenso per avere in cambio il prestito di Alessandro Matri, ma il Milan vorrebbe invece proporre la coppia Cristante-Niang. La trattativa è avviata e con ogni probabilità si chiuderà secondo le preferenze rossonere.

Anche perché la pedina Matri potrebbe tornare utile a Galliani per proporre un altro scambio, questa volta con la Lazio. Hernanes in questa stagione sta convincendo poco e i biancocelesti hanno bisogno più che mai di una prima punta oltre a Klose. In un primo momento Lotito pare aver chiesto 20 milioni di euro cash per il brasiliano, ma non è detto che i dirigenti rossoneri non riescano a convincerlo offrendo appunto l’ex attaccante della Juve. Oltretutto Pazzini sta tornando a pieno regime e il Milan si troverebbe con seri esuberi in attacco.

Nelle ultime ore è spuntato anche un obiettivo per la difesa. Si tratta di Danilo D’Ambrosio, utilizzabile sia come terzino destro, sia come esterno basso di sinistra. Si era mossa prima la Roma, ma ora sembra che il Milan voglia chiudere in fretta per D’Ambrosio (che andrà in scadenza di contratto a giugno), sfruttando anche i buoni rapporti con Cairo. Questa operazione fa però sorgere un dubbio che riguarda Abate. Il terzino destro della Nazionale già nello scorso gennaio era stato richiesto dallo Zenit di Spalletti e potrebbe avere mercato anche in questa sessione invernale. Il Milan potrebbe pensare di cederlo per una cifra che si aggirerebbe sui 10 milioni di euro, qualora la destinazione fosse naturalmente gradita anche al giocatore. Si creerebbe così un tesoretto importante da reinvestire. E probabilmente il gruzzolo verrebbe destinato all’acquisto di un portiere.

Abbiati si è decisamente ripreso dopo le iniziali sbavature, ma l’età e i continui infortuni lo portano a stare fuori troppo spesso. Gabriel è stato scelto come suo secondo, ma è ancora molto giovane e, in una stagione di alti e bassi come quella che sta vivendo la squadra di Allegri, il rischio di bruciarlo prematuramente è altissimo. In lizza per arrivare al Milan c’è il solito Casillas che non potrebbe giocare la Champions League, ma garantirebbe un futuro di garanzie. Altrimenti si parla di Agazzi o Perin. Il primo è stato messo fuori rosa al Cagliari e ha il contratto in scadenza a giugno, il secondo sta trascinando il Genoa. Ma è proprio con Preziosi che Galliani ha sempre chiuso ottimi affari, quindi chissà che non ci riesca anche questa volta.

Segui Gaia Brunelli su

Sullo stesso argomento