thumbnail Ciao,

L'ad del Milan Adriano Galliani ha fatto il punto sul mercato rossonero a gennaio: "Ci potrebbero essere degli scambi, e magari qualche sorpresa. No a Lodi, per Niang si vedrà".

A gennaio i tifosi del Milan si aspettino un calciomercato 'generoso'. Adriano Galliani non si nasconde e ammette: "Ci potrebbero essere degli scambi, e magari qualche sorpresa". Insomma, le vie del mercato, per i rossoneri, possono essere infinite. Basta attendere: "Per ora posso dire che ci saranno un ingresso certo (Rami, ndr) e uno probabile, che per rispetto di una squadra russa non posso citare (Honda e il Cska Mosca, ndr)".

Del resto, la realtà della campagna-acquisti, secondo Galliani, "è dinamica, ad oggi dico che va bene così, poi però non si sa cosa potrà succedere", le parole del dirigente in seguito alla consegna degli smartphone griffati Huawei - un'azienda cinese - alla squadra in quel di Milanello.

Sempre in tema di mercato, sembra da escludere uno scambio col Genoa tra Lodi e Niang: "Lodi gioca davanti alla difesa, in quel ruolo abbiamo De Jong e Montolivo, quindi non mi pare fattibile. Per Niang si vedrà col ragazzo e il suo agente, parliamo di un ragazzo molto giovane, che potrebbe giocare ancora in Primavera".

La squadra, ad ogni modo, può avvalersi dell'appoggio di un Berlusconi di nuovo presente: "Lui è fondamentale per noi, il merito della conquista dei 28 trofei vinti in questi anni è suo. Ci parlo sempre, credo che farà visita ai giocatori prima della gara con l'Ajax. L'augurio è che il presidente riesca a ritagliarsi sempre più tempo per stare vicino al suo Milan".

Entusiasta di Berlusconi, ed anche del ritorno di Kakà: è un Galliani in crescendo. "L'arrivo di Ricky ha aumentato l’autostima dei suoi compagni, lui è da esempio non solo in campo ma anche in allenamento e nella vita, spero che possa rimanere per parecchi anni al Milan, è la squadra che preferisce".

Un'altra nota positiva è l'infermeria che progressivamente si va svuotando: "Stiamo recuperando quasi tutti i giocatori, c’è una correlazione assoluta tra infortuni e risultati, non è un caso che il Barça senza Messi abbia perso sia ad Amsterdam che in Liga. Un Milan con meno infortuni avrebbe avuto più punti in classifica. Spero che si possa cominciare una rimonta come quella dello scorso anno, magari con lo stesso risultato finale...".

Tra i volti nuovi, Galliani è rimasto conquistato da Andrea Poli: "E' un buonissimo giocatore, l’ho sempre seguito in primissima persona. E' stato vicinissimo a noi prima della Samp, lo seguivamo anche da ragazzo quando era nel Treviso, e poi è molto duttile, può giocare mezz’ala destra e sinistra e terzino, penso che i giocatori debbano essere così".

Infine, due battute sulla Primavera rossonera: "Ottavi contro il Real? Se Pippo vuole così va bene così, ma non vedo perche dobbiamo sempre incontrare il Real, speriamo che anche con la prima squadra si vada agli ottavi di finale. In ogni caso, complimenti alla Uefa che si è inventato questa manifestazione molto bella, la Youth League".



Sullo stesso argomento