thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Andrea Ranocchia non convince il tecnico Mazzarri, l'Inter studia la cessione e il Napoli di Benitez ci fa un pensierino. Manchester United sempre vigile.

Andrea Ranocchia, difensore ancora non esploso nell'Inter dopo le tante promesse dei tempi di Bari, si trova adesso davanti a un bivio dopo che anche la gestione Mazzarri non pare consegnargli quella fiducia di cui avrebbe bisogno e che in fondo il calciatore nativo di Assisi non ha ancora totalmente ripagato.

Ci sono infatti rapporti non proprio fluidi con lo staff tecnico e soprattutto con la tifoseria, e allo stesso tempo ci sono sirene a dir poco interessanti (cioè di altissimo livello) che gli permetterebbero di provare il grande riscatto altrove.

Premessa: non è ancora così chiaro, stando anche alle voci che trapelano da Appiano Gentile, se Ranocchia sia davvero sul mercato oppure no. Quel che è vero è che l'Inter sta provando per un difensore già pronto per il mercato di gennaio (nell'ordine: Garay, Schar, Cannavaro), ma la priorità nerazzurra in questo settore resta quella di andare da subito a compensare i problemi dei più anziani, ovvero Chivu e Samuel.

C'è però da dire che la retroguardia a tre, per come la vuole e la pensa il tecnico toscano, non è pane per Ranocchia, meglio come centrale a quattro che come marcatore di fisicità. Pare che Antonio Conte, per dire, la pensi diversamente, ma lo juventino è già stato accontentato con Ogbonna in questo senso.

Le pretendenti di Ranocchia sono infatti altre, per questo è meglio non guardare al chiacchierato scambio sulla Torino-Milano con Mirko Vucinic. E tra questo ora in prima fila ritorna il Napoli nonostante Benitez si fosse pronunciato sfarevolmente circa l'idea di andare su un difensore mancino (ricordate il caso Astori?). Lo spagnolo però di Ranocchia ha un'idea diversa, ben precisa, molto ma molto positiva, e i ricambi nel ruolo in casa azzurra non sono così ampi vista anche la posizione ormai di rottura assunta tra le parti con capitan Cannavaro.

L'Inter vuole 18 milioni, uno scambio abbasserebbe comunque a non meno di 15 la pretesa interista, visto che comunque i dirigenti non vogliono svalutare Ranocchia. C'è infatti anche la consapevolezza che il difensore umbro vanta un certo mercato, anche all'estero, dove per esempio il Manchester United si disse interessato nel giugno scorso quando ancora la mano di Ferguson si sentiva.

Moyes potrebbe in questo caso anche ascoltare i preziosi suggerimenti del suo ingombrante ma saggio predecessore e guarda caso i Red Devils sono anche su Garay. Insomma, ci sono incroci strani, destinati in un modo o nell'altro a concretizzarsi. Meno plausibile a oggi la pista Chelsea, ma Ranocchia di fronte a questo genere di squadre lascerebbe Milano anche a gennaio senza troppe remore.

Segui Luca Momblano su

Sullo stesso argomento