thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - A gennaio niente rivoluzioni, per questo l'Inter guarda all'estate e ha sondato con l'entourage di Osvaldo. Gabriel Silva resta una pista viva, occhi su Salah e Schar.

Il futuro è adesso. Ma anche a giugno. Insomma, per costruire la nuova Inter - quella vera - c'è tempo. Lo sa Walter Mazzarri. Che non ha fretta, sente la fiducia di tutti, specialmente di Erick Thohir. E che non ama rivoluzioni a gennaio. Meglio pochi rinforzi ma buoni, se proprio devono arrivare. No alle seconde scelte d'occasione solo perché può far comodo per sei mesi salvo poi diventare problemi in estate, vedi la dannosa operazione Schelotto di un anno fa.

I piani per gennaio verranno delineati nel giro di qualche giorno. Le prime linee guida nell'incontro tra Branca, Ausilio, Mazzarri e lo stesso Thohir. Un esterno di sicuro, una seconda punta preferibilmente e un centrocampista. Poco altro sulla lista di Walter che non pretende il massimo: Nainggolan sarà un obiettivo decisamente difficile, Mazzarri lo sa e non lo pretende, più facile accontentarsi di un Kucka che come profilo all'allenatore - dai tempi di Napoli - è sempre piaciuto. Ma ci sarà tempo di trattarlo perché i nomi veramente concreti, le trattative e i contatti reali partiranno solo tra qualche giorno.

Per giugno, invece, si iniziano già a disegnare le prime idee. Perché Mazzarri fa continuamente il nome di Pablo Daniel Osvaldo. Ci sono stati contatti diretti con l'entourage del giocatore, le smentite possono far parte del gioco ma il ragazzo in Italia ci tornerebbe a piedi. Il problema è che il Southampton difende l'investimento estivo, non vuole far sconti e a gennaio intende trattenere Osvaldo. Appuntamento in estate, se sarà ancora una priorità. Ma l'Inter si è informata e su di lui tiene sempre un canale di riguardo dopo i contatti di qualche mese fa prima della scelta che condusse in Premier League.

Come vi avevamo preannunciato, gli uomini mercato nerazzurri si sono informati anche con l'Udinese per Gabriel Silva. Per avere il brasiliano a gennaio bisognerebbe svenarsi, fiumi di milioni che non rientrano nei piani immediati dell'Inter. Il contatto con il ds Giaretta c'è stato, l'Udinese è stata chiarissima e ha fatto presente che sono interessate anche altre società. L'Inter si è data appuntamento per parlarne più avanti, evidentemente per giugno. Perché Gabriel Silva piace molto, ma prima di giustificare un investimento importante deve continuare a dimostrare tanto.

Contatti, idee, telefonate, missioni. Il mercato si muove con mille canali e proprio un blitz è stato quello che vi avevamo anticipato degli uomini di fiducia di Piero Ausilio per vedere i gioielli del Basilea, contro il Chelsea. Mohamed Salah è piaciuto tantissimo, già nei taccuini dalla scorsa Europa League. Capace di segnare, punzecchiare continuamente le difese avversarie, un elemento sottolineato in rosso.

Come Fabian Schar, difensore che potrebbe fare comodo qualora dovesse andar via Andrea Ranocchia nel giro dei prossimi sei mesi. Ci sarà tempo per programmare anche le uscite. Perché il futuro è adesso.

Segui Fabrizio Romano su

Sullo stesso argomento