thumbnail Ciao,

Ecco gli obiettivi del mercato dell'Inter di Thohir: a gennaio un esterno fra Gabriel Silva, Insua, Ansaldi e Bernat. A giugno colpi pesanti... Dzeko (o Osvaldo) e Nainggolan.

Vi ricordate la storiella della formica e della cicala? Erick Thohir ce l'ha bene in mente e di sperperare soldi non ne ha proprio voglia. Il presidente della nuova Inter ha già in testa gli obiettivi per le prossime due sessioni di mercato. Quella invernale (mirata) e quella estiva (decisamente più spinta).

Partiamo dalle mosse più imminenti: "Comprerò giocatori funzionali alla squadra. Gente che serve realmente. Saremo parsimoniosi e cercheremo solo giocatori disponibile. Non vogliamo inimicarci altri club". Parole che si accostano alla perfezione al capitolo esterno. Capitolo caldo, anche e soprattutto, dopo le prime valutazione dell'infortunio a Nagatomo. Si pensa a uno stiramento, se così fosse, ci si rivede nel 2014.

Come detto nella nostra esclusiva di ieri, il nome nuovo e Gabriel Silva dell'Udinese. Come alternativa, i soliti Insua e Ansaldi per gennaio e Alex Sandro, del Porto, a giugno. Con Pereira in partenza, a giocarsi il duello con Gabierl Silva, potrebbe essere il 20enne del Valencia e dell'Under 21 spagnola, Juan Bernat. Osservatori dell'Inter lo seguono da questa estate. Lui, che ha spodestato Cissokho sulla corsia sinistra, è anche andato in goal nell'ultima contro l'Elche. Valore 5 milioni, scadenza nel 2015. Un colpo fattibile, visto che finora il Valencia non è riuscito a far firmare il prolungamento al ragazzo.

Capitolo giugno. Due nomi pensanti e che fanno sognare. Il primo è Edin Dzeko. Milito dovrebbe dire addio all'Inter a fine anno, Belfodil potrebbe partire in prestito (già a gennaio?), Icardi continua a essere un'ìncognita dal punto di vista caratteriale. Ecco perchè il bosniaco (o in alternativa Osvaldo) sarà un colpo obbligato. A conti fatti, fra aumento di capitale e introito possibile per la prossima Champions (al netto della copertura sul passivo di bilancio) i nerazzurri avranno a disposizione per gennaio e giugno, almeno 55 milioni.

Oltre a una prima punta di valore assoluto, resta il sogno Nainggolan. Per riuscire a strappare il sì di Cellino, servirà tutta la diplomazia indonesiana del buon Thohir. "E vero che Radja mi piace - ha dichiarato il tycoon - ma anche dirigenti e allenatore dovranno essere d'accordo, perchè non voglio prendermi la responsabilità di un innesto sbagliato. Ne parleremo, con l'occhio sempre al bilancio". La Juventus è in vantaggio e rischia di bruciare i rivali opzionando il ragazzo già a gennaio. Sarà una lotta all'ultimo sangue... e all'ultimo euro.

Sullo stesso argomento