thumbnail Ciao,

I rossoblù insistono per avere El Shaarawy già a gennaio, il Piccolo Faraone per ora dice no. Su di lui in pressing anche il Galatasaray, la cessione è possibile.



La crisi del Milan non ha fine, l'ennesimo capitolo si è vissuto ieri sera. Il pareggio contro il Genoa non può bastare ad una squadra sull'orlo del baratro, Galliani lo sa bene e lavora alacremente per cercare di raddrizzare una nave che affonda.

Già chiusi gli acquisti di Rami e Honda, rossoneri da gennaio, l'amministratore delegato ha approfittato del match di 'San Siro' per parlare di mercato con il presidente del Grifone, Enrico Preziosi. A Genova sognano di riabbracciare il figliol prodigo El Shaarawy, perdutosi tra i vialetti di Milanello.

Il ragazzo dal canto suo tiene duro e continua a dichiarare la propria voglia di Diavolo. Difficile però che, in caso di troppa panchina, ElSha non consideri l'ipotesi cessione, magari solo a titolo temporaneo e in chiave Mondiale. Come parziale contropartita in rossonero potrebbe arrivare quel Kucka inseguito per mesi da Galliani.

Sull'attaccante italo-egiziano poi forte continua il pressing del Galatasaray che, nel caso il Milan tornasse seriamente alla carica per Sneijder, sarebbe pronto a proporre uno scambio alla pari proprio con El Shaarawy. In caso di addio definitivo però Galliani preferirebbe monetizzare, in tal senso va tenuto sempre aperto il canale inglese, con il Liverpool decisamente in prima fila.

Sullo stesso argomento