thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Erick Thorir ha subito dimostrato di avere grande fiducia in Walter Mazzarri, che dal canto suo ha già consegnato al nuovo presidente dell'Inter una lista...



A volte, possono bastare cinque minuti. Anche per smentire settimane e settimane di chiacchiere: De Boer, Laudrup e chi più ne aveva, più ne metteva. Poi, Erick Thohir è arrivato a Milano e ha blindato Walter Mazzarri sulla panchina dell'Inter. Rilanciando anche sull'ipotesi di un rinnovo del contratto in scadenza 2015. Per quello ci sarà tempo e modo, ma è il segnale che conta. Una fiducia totale dimostrata con le parole e con i fatti. Perché Thohir ha fatto subito presente a Mazzarri, nel loro primo incontro di persona, che giocherà un ruolo determinante la parola dell'allenatore in tema di mercato.

Adesso il presidente sta facendo le valigie, lascia Milano già pronto per la seconda tappa a cavallo tra la fine di novembre e l'inizio di dicembre. In tasca, anche un foglio con le idee di Walter. Che qualche cosa l'ha voluta mettere in chiaro già nei primi vertici conoscitivi, seppur non entrati così nel dettaglio. Quel che più gli serve sono un esterno e anche una seconda punta. Quest'ultima, una richiesta che in pochi si aspettavano e che è arrivata direttamente da Mazzarri.

Un attaccante che possa affiancare Palacio per evitare di scervellarsi tra i Guarin o Kovacic di turno che sostengono la punta, data anche l'adattabilità di Alvarez in mediana. Il Lavezzi di Napoli da reincarnare all'Inter, in sostanza. Il Pocho rientra nella categoria sogni, si sa, ma quelli non fanno rima con gennaio. A giugno si vedrà, quando la rivoluzione d'Indonesia entrerà nella fase operativa. Adesso c'è bisogno di qualcosa di pronto. E prima ancora di sedersi al tavolo per studiare le soluzioni, Branca e Ausilio qualche nome se lo sono ritrovato sulla scrivania.

Novembre e dicembre sono mesi di proposte, il mercato invernale è fatto anche così. Occasioni, ipotesi, idee. Come quella del nuovo entourage di Nani, fresco di rinnovo in estate con il Manchester United ma non un titolarissimo per David Moyes. Dietro alle dichiarazioni di facciata c'è un po' di malcontento per il portoghese, brutta copia di Cristiano Ronaldo che dietro a Palacio potrebbe trovare il suo paradiso senza le briglie della tattica che possono complicare il mestiere di un'ala pura. All'Inter è stata spiegata la situazione del giocatore, già pallino anche della Juventus. Se ne riparlerà, perché di mezzo c'è anche la questione ingaggio come anche la decisione dello United sulla valutazione del cartellino. Ma Branca e Ausilio valutano, Mazzarri aspetta ipotesi globalmente (valore, ingaggio, costi) più concrete prima di esprimersi.

Stesso discorso per Jeremy Ménez, in scadenza a giugno con il Paris Saint-Germain e tipica occasione da mercato invernale. Il PSG avrebbe piacere a piazzarlo anche a pochi milioni pur di non perderlo per zero euro in estate, c'è chi propone Ménez in giro per l'Europa alla ricerca della situazione migliore. Una telefonata informativa c'è stata anche con l'Inter, dopo quella della scorsa estate poi mai decollata a livello di trattativa. Anche questa è un'ipotesi che non fa impazzire i dirigenti nerazzurri. Perché Ménez liberandosi sostanzialmente a zero chiederebbe un ingaggio importante, non in linea con l'occasione intrigante e non costosissima a cui si pensa per gennaio.

Insomma, Ménez e Nani si valutano aspettando che sia più chiara la loro situazione. Ma non ci sono ancora trattative in corso. Su quelle avrà voce in capitolo anche Mazzarri. Che intanto ha già fatto sapere a Erick Thohir che concorda sulla necessità di un laterale, specialmente qualora dovesse andar via Alvaro Pereira. Insua dell'Atlético resta un nome allettante, più concreto quello di Sime Vrsaljko anche se Preziosi chiede soldi subito e non vorrebbe cederlo avendo già promesso Antonelli al Napoli. Se il Genoa dovesse volare verso una salvezza più serena da qui a gennaio, però, tutto potrebbe essere più semplice per uno di quelli che potrebbero essere i primi acquisti di Thohir. Ma non basteranno cinque minuti.

Segui Fabrizio Romano su

Sullo stesso argomento