thumbnail Ciao,

Il nuovo presidente dell'Inter esclude contatti con Sabatini e Leonardo, poi assicura: "Presto l'incontro con Branca e Mazzarri per parlare di mercato". Tante le idee.



E' nuova Inter, ma per la vera e propria rivoluzione bisognerà attendere. A Erick Thohir, presidente nerazzurro da appena qualche giorno, le idee per rilanciare il brand del club non mancano. Tempo al tempo, i cambiamenti saranno tanti e significativi, come annunciato dallo stesso indonesiano ieri sera in tv.

Cambiamenti che però, almeno per adesso, non riguarderanno lo staff dirigenziale: "In questo momento non ho mai parlato né con Leonardo né con Sabatini", le parole di Thohir al suo quotidiano 'Republika'.

Chiara invece la volontà di programmare presto importanti investimenti sul mercato: "L’Inter sta facendo buone cose in Serie A. Il lavoro di Mazzarri è ottimo, abbiamo fiducia in lui. Fino ad adesso non abbiamo parlato di mercato, ma lo faremo presto. A breve ci incontreremo con Mazzarri e Branca per discutere dei possibili acquisti da fare a gennaio".

Thohir esclude al momento la pista che porta al connazionale Nainggolan: "Non ho mai parlato con lui o altri giocatori". E spiega: "Non vogliamo comprare un giocatore a prezzo alto, ci interessa la stabilità del club nel lungo periodo. Porteremo avanti il buon lavoro di Moratti. Nella nostra visione del futuro l’Inter deve vincere, giocare bene ed essere a posto dal punto di vista finanziario".

Mercato sì dunque, ma con giudizio. L'incontro tanto atteso dovrebbe svolgersi tra martedì e mercoledi, la priorità sarà individuare un numero nove che faccia al caso dell'Inter. I problemi fisici di Icardi e Milito, oltre alla mancata esplosione di Belfodil, obbligano infatti Palacio ad un vero e proprio tour de force.

Piace moltissimo Kostantinos Mitroglou, giovane greco di proprietà dell'Olympiacos, autore di una doppietta nello spareggio mondiale contro la Romania e la cui valutazione si aggira intorno agli otto milioni di euro. Stessa cifra che servirebbe per portare a Milano José Salomòn Rondon, venezuelano che per caratteristiche ricorda l'ex romanista Carew, transitato dalla nostra Serie A senza troppa fortuna.

Mazzarri poi quasi certamente insisterà per avere a disposizione il tanto agognato esterno, sfuggito nel mercato estivo. L'obiettivo numero uno resta Isla, mai realmente esploso alla Juventus. Altri nomi caldi sono quelli di Janmaat, Basta e Van der Wiel. Per l'attacco il tecnico livornese pensa ad un puntello non troppo costoso, Pinilla del Cagliari potrebbe fare al caso dei nerazzurri. In attesa della rivoluzione estiva.

Sullo stesso argomento