thumbnail Ciao,

Dalla Francia un parente di Pogba conferma la massima concentrazione del mediano della Juventus sul calcio giocato. Calciomercato? Marotta e Raiola per ora non ne parlano.



La Juventus, il campionato, la Champions, la Francia e quel Mundial prima da conquistare e poi vivere da protagonista. L'agenda di Paul Pogba da qui a luglio e piena d'impegni. Alla voce 'rinnovo' non si legge nulla. Quella, al più, sarà una preoccupazione dell'agente Mino Raiola.

Il francesino corre veloce e non vuole fermarsi a pensare a beghe che non gli competono. Lui è ambizioso. Vuole diventare il più forte centrocampista al mondo, il resto conta poco. Conta, invece, molto di più per la Juventus società e per i suoi tifosi.

Agnelli ha già messo sull'allerta tutti: "Se arrivasse una super offerta potremmo anche accettare". Parole che destabilizzano un ambiente. Ecco perchè, per far si che (almeno) il gioco valga la candela, serve il rinnovo del contratto (in scadenza nel 2016) e quel adeguamento di ingaggio a un vero top player. Mino Raiola, grande amico ed ex agente di Pavel Nedved, finora non ha fatto il Mino Raiola, per fortuna.

Nessun mal di pancia, nessuna dichiarazione destabilizzante alla 'Balotelli-Chelsea'. Un motivo in più per stare tranquilli, almeno per ora. Un altro, lo offre un parente del calciatore, che dalle colonne de 'L'Equipe' rilancia: "Sappiamo che ci sono molti club interessati a Paul, però gli restano ancora due anni e mezzo di contratto. Quindi è troppo presto per evocare sia un rinnovo sia una cessione. La cosa più importante oggi è che si senta bene alla Juventus. A Torino e con la Francia Paul deve affrontare scadenze importanti e non vuole assolutamente distrarsi pensando ad altre cose".

Insomma per ora nessuna fretta: nè da Raiola, nè da Pogba nè tantomeno da Marotta. Il calcio prima di tutto poi il resto si vedrà. Anche perchè chi vive e respira casa Juve è convinto che il tesoretto bianconero potrebbe nascondersi da altri parti. Ci sarebbero offerte da quasi 20 milioni l'una per Bonucci (Monaco) e Llorente (Arsenal) e se proprio ci fosse la necessità di un sacrifico, il nome sarebbe più quello di Vidal che quello di Pogba. 'La piovra' quindi è destinata a restare in bianconero.

Sullo stesso argomento