thumbnail Ciao,

La famiglia Berlusconi non è contenta di Raiola e il Milan pensa a fare 'piazza pulita' dei suoi assistiti: oltre ad Abate e Balotelli (Psg?), anche Niang e Robinho. Idea Sagna.



Tra il Milan e Mino Raiola si va verso il 'muro contro muro'. La gestione dei suoi assistiti che vestono il rossonero, da parte dell'agente, non piace alla famiglia Berlusconi (a maggior ragione dopo le parole al vetriolo di Barbara) che potrebbe dare il là ad una rivoluzione di mercato cedendo tutti quei calciatori di cui ne cura gli interessi. Tra questi, ovviamente, anche Mario Balotelli.

Il tutto, come rivela il 'Corriere dello Sport', potrebbe consumarsi già a gennaio: l'attaccante può partire per 30 milioni, sulle sue tracce ci sono Paris Saint-Germain (dove gioca un altro assistito di Raiola, Zlatan Ibrahimovic) e Chelsea. Stesso discorso vale per Ignazio Abate, gestito dal procuratore italo-olandese e per il quale il futuro potrebbe parlare 'francese'.

La pista che conduce verso un divorzio dal terzino, è avvalorata dall'ultima idea maturata in via Turati per quanto riguarda la fascia destra e corrisponde al nome di Bacary Sagna: 30 anni, transalpino, il suo contratto con l'Arsenal scade a giugno prossimo e il Milan ci sta facendo un pensierino.

Tornando a SuperMario, invece, la panchina di Barcellona ha incrinato il rapporto con Allegri e nonostante Galliani lo ritenga "incedibilissimo" i suoi atteggiamenti all'interno del rettangolo verde starebbero creando malumori nello spogliatoio.

Insomma, si fa largo un'autentico 'restyling' dell'organico rossonero che non prevederebbe più la presenza dei giocatori sotto la procura di Raiola. Ed è bene ricordare che, oltre ad Abate e Balotelli, nell'elenco figurano anche Mbaye Niang e Robinho.

Sullo stesso argomento