thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Passare il turno in Champions League vale un rinforzo per Conte. Piace Biabiany ma c'è da mettere d'accordo Parma, Sampdoria e soprattutto Donadoni.



Qualificazione agli ottavi di Champions League? Un rinforzo assicurato. Per la Juventus le prossime mosse sul mercato viaggiano dietro questa direttiva, delineata in ogni minimo dettaglio, sviluppata con concretezza nelle ultime settimane.

Il target è sempre lo stesso, ricerca concentrata nell’innesto di un’ala abile nel saper sposare il 4-3-3, modulo recentemente proposto da Antonio Conte nel doppio incontro con il Real Madrid. E se il rientro di Simone Pepe, tempistiche alla mano, rappresenta un’incognita, occorre spostare altrove le proprie attenzioni, regalando al tecnico pugliese un tassello che completi una rosa ben assortita.
 
La Vecchia Signora, attiva a tutto tondo, continua a lavorare sui soliti obiettivi, con Jonathan Biabiany parte integrante nei pensieri del duo Marotta-Paratici. Il 25enne esterno francese, affrontato proprio dai bianconeri nell’ultimo turno di campionato, è il profilo che riscontra più consensi positivi tra le fila sabaude. L’allenatore salentino, infatti, il suo gradimento in merito lo ha espresso da tempo, nel parigino intravede importanti potenzialità da sviluppare, messaggio spedito ai suoi superiori.

Ingaggiare il transalpino, però, non è semplice. Bisogna mettere d’accordo le dirigenze di Parma e Sampdoria, ovvero coloro che ne detengono la compartecipazione e, soprattutto, bisogna convincere Roberto Donadoni, allenatore degli emiliani, a privarsi di una pedina per lui imprescindibile.

Le manovre juventine, seppur a fari spenti, progrediscono. La truppa bianconera è formata da calciatori apprezzati dall’a.d. gialloblù Pietro Leonardi, il quale monitora con interesse Ouasim Bouy, Federico Peluso e, novità delle ultime ore, anche Simone Padoin. Mentre Marco Motta, opzione proposta in più riprese da Madama, in quel di Collecchio non sembrerebbe entusiasmare.

Questi sono i mesi decisivi per mettere a segno i colpi invernali, vedi il lungo corteggiamento che ha portato nella passata stagione il terzino romano ex Atalanta sotto la Mole, tempi apparentemente spenti, fondamentali per imbastire operazioni prioritarie.
 
Curiosità. Gli osservatori zebrati, secondo quanto raccolto da Goal Italia, avrebbero visionato numerose apparizioni che ritrarrebbero Biabiany in fase di non possesso, video mirati per valutarne la totale completezza tattica. Anche in questo caso il giudizio pare essere incoraggiante. L’ex interista di gara in gara, seguendo i dettami del mister lombardo, ha aumentato l’incisività in entrambe le fasi e, vista l’età, immaginare ulteriori progressi non è affatto un pensiero fantasioso.
 
Superare il doppio scoglio Copenaghen-Galatasaray, quindi, risulta vitale in funzione del rafforzamento dell’organico. Attualmente l’attenzione è riversata, appunto, sull’inserimento di un esterno. Ma nel mercato non si può escludere nulla. Sorprese incluse.

Segui Romeo Agresti su

Sullo stesso argomento