thumbnail Ciao,

Il tycoon indonesiano si confessa da Giacarta, parlando dell'importanza dei partners: "Con loro puoi correggerti vicenda, puoi crescere. Moratti e Mazzarri, lavoro eccellente".



Chi è Erick Thohir? E' il nuovo proprietario dell'Inter, ok. Ma chi è veramente Erick Thohir? Un tycoon indonesiano 43enne che crede nei partners e nei giovani, negli insegnamenti paterni, nello sport. Chi è Thohir? Uno che vuole vincere.

Massimo Moratti ha appena venduto la quota di maggioranza all'imprenditore asiatico per dare un futuro all'Inter. E Thohir, per ora, sembra la persona giusta. E' ambizioso, punta su chi crede possa evolversi negli anni successivi.

"Con la passione lavori tante ore ma poi non ti senti stanco" evidenzia Thohir da Giacarta. "Per questo, ho detto a mio padre e mio fratello che avrei voluto investire nei media: loro erano rimasti sorpresi ma mi hanno sostenuto". Da lì lo sport, basket, calcio.

Prima la squadra più forte del basket indonesiano, i Satria Muda, poi quote di 76ers e dei D.C. United. Ora l'Italia: "Spero di fare un bel lavoro coi Moratti. La passione ti guida, ma non basta. Bisogna essere sempre concentrati sul tuo obiettivo ed essere creativi. Serve aggiornare le conoscenze per competere. Se no, perdi".

La Beneamata sarà giovane: "Ho sempre creduto in questo, perché a 31 anni ero presidente del principale quotidiano d'Indonesia. Ma ora ho 43 anni, e sto invecchiando in rapporto all'età media locale. Investendo sui giovani possiamo avere un grande futuro". 

I tifosi vogliono un calciomercato stellare, per ora solo sogni: "Non ho ancora parlato con Moratti o con Mazzarri dei giocatori che dovremo comprare o prendere in prestito. Non li ho neppure incontrati, con Mazzarri ci siamo solo presentati. Dobbiamo ragionare insieme, non è giusto dire di comprare questo o quel giocatore".

Arriva però una prima chiara indicazione sul fronte acquisti: "Ho delle mie opinioni in senso positivo, per questo dico che c’è bisogno di gente sulle fasce, visto che ci sono Jonathan, Nagatomo e forse Pereira. Pensate se qualcuno si infortunasse; per questo ci siederemo ad un tavolo e ci metteremo d’accordo. Maggioranza o minoranza non contano".

Per portare nuovamente trofei in bacheca potrebbe volerci del tempo: "Ci vuole un piano per vincere insieme nei prossimi tre e cinque anni. Ho visto qualche partita dell’Inter e mi diverte, ciò che Mazzarri sta facendo è eccellente come anche eccellente è il lavoro del signor Moratti".

Si è parlato tantissimo di partners, elemento fondamentale della filosofia thohiriana: "Deriva molto dagli insegnamenti di mio padre. Con loro con cui correggersi a vicenda, puoi crescere. Da solo puoi fare degli errori. Questa è la filosofia in cui crediamo. Possiamo aiutarci e arricchire l'azienda offrendo tanti punti di vista".

La nuova era nerazzurra è iniziata. Se sarà migliore o peggiore di prima solo il tempo potrà dirlo.

 

Sullo stesso argomento