thumbnail Ciao,

L'esterno della formazione viola decisivo contro il Chievo, doppietta e rimonta del club toscano dopo la rete iniziale di Cesar: "La ferita al ginocchio? Nulla di preoccupante".



Juan Cuadrado 3.0. Un missile. Creato dall'Udinese, perfezionato dalla Fiorentina. Che ha raggiunto il suo stato finale. Prima era decisivo, promettente. Ora è devastante. A dir poco. E' sua la vittoria del Bentegodi, sua la rimonta.

L'ex Lecce ha siglato la doppietta che ha dato alla formazione viola i tre punti a casa Chievo, prima doppia italiana per superare la rete iniziale di Cesar. Le grandi d'Europa farebbero follie, ma per ora devono solo osservare. In attesa dell'assalto a gennaio o a giugno.

C'è la Juventus su di lui, ma sotto la scala veronese, quest'oggi c'erano anche gli emissari dell'Arsenal a sbirciare. Magari per una romantica promessa in una delle città più romantiche del mondo. "Sono contento alla Fiorentina, poi più avanti si vedrà" le parole al termine del match di Verona.

Continua a rinviare i discorsi sul suo futuro, Cuadrado. Per ora Firenze, dove si trova da Dio. In estate, però. Potrebbe accadere di tutto. Sopratutto se casa Pradè sarà invasa dai milioni. "Sono felicissimo per questa prima doppietta, ringrazio Montella e la societ che hanno sempre creduto in me".

Nel secondo tempo i tifosi della Fiorentina hanno tremato, colombiano a terra e fans viola ammutoliti dalle Alpi alla Sicilia, passando per Firenze: "Tranquilli, la ferita al ginocchio non è nulla di preoccupante". Al massimo sarebbe preoccupante perdere un giocatore così. Il popolo viola spera. Per ora se lo tiene stretto.

Sullo stesso argomento