thumbnail Ciao,

L'attaccante della Nazionale non è tanto soddisfatto del suo ambientamento al Southampton, i bianconeri potrebbero tentare il colpaccio per comporre la coppia con Tevez...



Non parlate di crisi della Juventus a Beppe Marotta, dopo lo shock delle 4 pere prese in pochi minuti a Firenze. In casa bianconera la parola d'ordine è smorzare, tranquillizzare, normalizzare. Soprattutto alla vigilia di un match difficile e fondamentale per il prosieguo del cammino in Champions come quello in casa del Real Madrid.

E se nello spogliatoio di Vinovo ci ha pensato Antonio Conte a suonare la carica da par suo, strigliando la squadra per ricompattarla a tempo di record, ai microfoni è Marotta a diffondere il verbo juventino: "Siamo reduci da un periodo costellato da vittorie esaltanti. E' da due anni che mostriamo certezze calcistiche e lo abbiamo fatto anche fino al 70' della partita con la Fiorentina. Tutto è ancora in gioco e nessuno è sul banco degli imputati...".

"Non parlerei di crisi, ma di stanchezza psicologica - spiega l'Ad bianconero - Noi abbiamo tra 10 e 14  calciatori che sono anche componenti delle loro Nazionali. Gli italiani in particolare vengono da un'annata nella quale hanno fatto 200 giorni di ritiro. Il nostro compito ora è migliorare l'aspetto mentale. Prendiamo Vidal: ha dovuto fare 15 ore di volo per arrivare in Cile, poi 7 per andare in Colombia e ancora 15 per tornare in Italia. Sono stress che vanno al di là dell'aspetto agonistico. E, se la mente non è lucida, le prestazioni ne risentono".

Nel mirino della Juventus anche il format ormai logoro della Serie A a 20 squadre e Agnelli si farà sentire nelle sedi opportune per modificarlo e renderlo più snello, adeguandolo alle esigenze di un calendario ormai ingolfatissimo: "Il calendario è difficilissimo - conferma Marotta - Ci sono 3 turni infrasettimanali oltre alla Champions e agli impegni delle Nazionali". In Corso Galileo Ferraris si fa notare che tornare a 18 squadre farebbe anche il bene dell'Italia, che si ritroverebbe giocatori meno spremuti durante le grandi manifestazioni di fine stagione. Ma su questo tasto c'è da combattere con le 'provinciali', che di perdere due posti nel gotha del calcio italiano non ne vogliono sapere...

Intanto la Juventus va a Madrid leccandosi le ferite e con una coperta cortissima in attacco, visto le perduranti assenze degli infortunati Vucinic e Quagliarella. Se Tevez è la sicurezza cui aggrapparsi, il ballottaggio tra Llorente e Giovinco potrebbe risolversi con... l'esclusione di entrambi e la riproposizione di Marchisio alle spalle dell'Apache unica punta, il che rende sempre più evidente che forse a gennaio i bianconeri rimescoleranno le carte nel reparto.

Secondo il 'Daily Mail', il nome caldo sul tavolo di Marotta è quello di Pablo Osvaldo, autore di una sola rete finora in Premier League e non tanto soddisfatto del suo ambientamento al Southampton. L'attaccante della Nazionale avrebbe chiesto un incontro al tecnico Pochettino, la Juve ha captato i segnali che arrivano da Oltremanica e sarebbe pronta a chiedere il bomber in prestito con diritto di riscatto. La coppia Tevez-Osvaldo risolleverebbe alquanto l'umore di Conte...

Sullo stesso argomento