thumbnail Ciao,

Contro difese arroccate i bianconeri soffrono eccessivamente, ma a Conte non è stato dato l'esterno voluto. A gennaio bisogna provvedere: i nomi in lizza sono tanti.



A parte le due goleade contro la Lazio, la Juventus versione 2013/2014 non è riuscita a segnare più di due goal nello stesso match. In questi tre anni gli avversari hanno potuto studiare attentamente la Vecchia Signora ed effettuare le contromosse che iniziano a mettere in difficoltà i bianconeri.

"Per noi è sempre più dura: si difendono tutti in 10, è arrivato il momento di cambiare", l'appello d Pogba dopo il derby col Torino. Quando la Juve si trova davanti squadre arroccate in difesa non riesce a pungere in maniera efficace. Il 3-5-2 di Conte è stato un modulo vincente nelle ultime due stagioni, ma adesso comincia a scricchiolare.

Il perchè è chiaro: manca il famoso esterno che Conte ha richiesto per un'estate intera. Alla fine però Zuniga ha deciso di rinnovare col Napoli, il City non ha voluto dare in prestito Kolarov, Nani costava troppo ed il tecnico si è ritrovato senza l'uomo che aveva immaginato di avere. Inoltre il calvario di Pepe continua ed il 4-3-3 votato al sacrificio come vuole Conte è quasi improponibile con gli uomini tutt'ora a disposizione.

Insomma il tormentone esterno è destinato a risuonare anche durante il calciomercato di gennaio. Depennando la maggior parte dei nomi fatti quest'estate, tra gli italiani in lizza restano Biabiany e Bonaventura. Il francese è a metà tra Sampdoria e Parma: i blucerchiati darebbero il loro consenso ad una cessione, gli emiliani invece no, anche se la Juve potrebbe convincerli inserendo nell'affare Peluso o Motta.

Per quanto riguarda la pista che porta a 'Jack', i trasferimenti recenti di Padoin e Peluso a Torino potrebbero facilitare la trattativa. Inoltre il 24enne centrocampista diventerebbe quasi certamente uno dei prediletti di Conte grazie alla sua grande duttilità che gli permette di giocare esterno, trequartista e all'occorrenza anche mediano. Il suo contratto scade nel 2017, la Juve al momento lo considera però un'alternativa.

Tra i candidati più autorevoli spunta Jeremy Menez. L'ex Roma è in scadenza di contratto, col PSG gioca e non gioca (più la seconda) ed a costo zero rappresenterebbe comunque un affare, nonostante la sua proverbiale incostanza. Infine i giovani: il 18enne Januzaj del Manchester United, sul quale c'è però anche la concorrenza del Barca ed il 17enne Mendez del Penarol, considerato il 'Tevez del futuro'. La missione esterno è ricominciata.

Sullo stesso argomento