thumbnail Ciao,

Il tecnico di Bellinzona ha rescisso il contratto che lo legava alle Rondinelle: "Vado via perché gli obiettivi sono stati stravolti". Al suo posto torna in pista Maifredi.

Dopo esser stato irreperibile per due giorni, e aver tranquillizzato tutti ieri sera sulle proprie condizioni di salute, Marco Giampaolo si è recato questa mattina a Brescia per firmare la rescissione del contratto con le Rondinelle. Il tecnico di Bellinzona, accompagnato dal suo legale, l'avvocato Malagnini, è arrivato verso mezzogiorno negli uffici della Saniplast, l'azienda del presidente Gino Corioni.

Alla vista dei giornalisti, l'auto con a bordo l'ex allenatore di Cagliari e Catania ha fatto prontamente retromarcia, imboccando di nuovo l'autostrada, ed è stata seguita da un'altra vettura con a bordo i dirigenti biancazzurri. Non è noto dove le parti si siano recate per firmare la rescissione.

La rescissione del contratto è stata ufficializzata dalla società lombarda attraverso un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito web, con il quale è stata resa nota anche la nomina di Gigi Maifredi come nuovo allenatore: "Il Brescia Calcio - si legge nella nota del club - comunica di aver risolto consensualmente il rapporto di lavoro con il Sig. Marco Giampaolo a seguito delle dimissioni di quest’ultimo dall’incarico di responsabile tecnico della Prima Squadra".

"Contestualmente - prosegue il comunicato - affida la conduzione tecnica al Sig. Luigi Maifredi. Il Presidente e tutti i componenti della società, prendendo atto con dispiacere della decisione del Sig. Giampaolo, lo ringraziano per il lavoro svolto e gli augurano le migliori fortune".

Dopo aver rescisso il suo contratto biennale con le Rondinelle, il tecnico dimissionario Giampaolo ha rilasciato alcune brevi dichiarazioni all'agenzia 'Ansa': "Lascio il Brescia, e lo faccio con comprensibile amarezza. - ha affermato - La mia irrevocabile decisione dipende da uno stravolgimento degli obiettivi della società, non più in linea con quelli programmati".

Il suo prolungato silenzio aveva fatto preoccupare un po' tutti, poi nel pomeriggio di ieri sono arrivate prima la testimonianza del fratello Federico, che aveva assicurato sulle sue condizioni di salute, quindi le sue parole, che hanno chiuso definitivamente il 'giallo' della sua sparizione.

Sullo stesso argomento