thumbnail Ciao,

Il petroliere, dopo Inter-Juve è partito per Londra. Non è dato sapere se il viaggio sia per la Saras o per la cessione della società. Il 21enne della Samp al posto di Guarin?



Il tempo passa e Massimo Moratti non vende. Che succede? I continui spostamenti della data fatidica fanno sperare i nostalgici di casa Inter. Il presidentissimo lo ha fatto capire più volte: "Si chiude solo a determinato condizione altrimenti non c'è tutta questa voglia di cedere la maggioranza".

Rivedere un'Inter alla pari con la Juventus avrà sicuramente fatto brillare gli occhi al numero uno nerazzurro, che però l'indomani è subito partito per un viaggio di lavoro segretissimo: a Londra. Saras o Inter non è dato saperlo. Se la risposta fosse la seconda, allora quasi certamente Moratti avrebbe visto i legali di Eirk Thohir per ridiscutere dei dettagli che, più passa il tempo, più vanno rimodellati, visto che la bozza di contratto di vendita era datata 30 giugno.

Il 'piano B' cinese sembra solo una copertura. Thohir è sempre in pole, ma solo un incontro fra i due potrebbe davvero rimettere le cose in carreggiata. Sempre che dalla parte di Moratti ce ne sia davvero l'intenzione. Qualcosa potrebbe trapelare (magari a microfoni spenti) nella serata di oggi, quando proprio Massimo Moratti e capitan Zanetti saranno fianco a fianco per un evento Pirelli-Inter.

Intanto, Branca continua a lavorare sul mercato sulle indicazioni di mister Mazzarri. Il nome nuovo è Pedro Obiang, 21enne centrocampista della Sampdoria. Su di lui ci sono anche Juventus, Napoli e Marsiglia, ma l'Inter pare aver una linea privilegiata con Garrone, dopo l'affare Icardi.

L'idea è quella di sostituire Guarin (nel caso arrivassero offerta dai 20 milioni in su) la prossima estate, inserendo Obiang. Diversi i vantaggi: i 21 anni dello spagnolo contro i 27 del colombiano, un milione di euro all'anno (alla Samp ne prende 600 mila) contro i 2,2 dell'ex Porto. Se sono rose fioriranno.

Infine, ieri ha parlato Luis Figo, ministro degli esteri nerazzurro, alla stampa lusitana: "Dopo un’annata così difficile e negativa, l’obiettivo principale dell’Inter è quello di tornare a giocare nelle competizioni europee però in società c’è anche un’altra voglia: quella di tornare a vincere lo scudetto. Il mio futuro? Non ho ancora nulla di preciso in mente. Tutto dipenderà dalle opportunità che si presenteranno. Io al Psg? Non commento queste voci".

Sullo stesso argomento