thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il club bianconero è convinto di poter bruciare la concorrenza: l'Inter intanto sembra sempre più defilata nella corsa al jolly colombiano.

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash

Il mercato non finisce mai. In casa bianconera continua a tenere banco l’enigma Zuniga, sempre più di difficile risoluzione, in bilico tra la permanenza partenopea, il possibile approdo alla Juventus e, sempre più distaccata, l’ipotesi targata Inter.

Le offerte sono state messe sul piatto, nel torinese hanno già preparato un quadriennale da 2.5 milioni a stagione, mentre in Campania sono pronti a garantirgli un 40 per cento in più della proposta zebrata. La decisione da prendere è complessa. La prospettiva di proseguire il percorso campano è senza dubbio allettante, così come una possibile avventura sabauda, con tanto di stima contiana, potrebbe invogliare al cambiamento.

Probabilmente, a testimonianza di come esistano le eccezioni, la componente economica non rappresenta l’interrogativo principale per il 27enne colombiano, orientato ad alimentare un importante percorso di crescita professionale. La Vecchia Signora attende speranzosa. I contatti con l’agente del sudamericano, Riccardo Calleri, sono frequenti e, in tempi brevi, emergerà la chiarezza totale.

Antonio Conte, grande sponsor del terzino cresciuto nelle giovanili dell’Atletico Nacional, con l’innesto di Zuniga chiuderebbe il cerchio relativo agli esterni, inserendo in organico un elemento duttile, abile nel saper giocare indistintamente nelle due corsie, capace nell’associare un’ottima fase offensiva a quella difensiva. Fattori che hanno letteralmente conquistato il cuore del tecnico salentino.
 
Il tema è dei più delicati, lo sprint finale è già partito: nessuna mossa può essere sbagliata. Beppe Marotta e Fabio Paratici, rispettivamente d.g. e d.s. della Juventus, fanno leva proprio sulla ferma volontà del proprio tecnico. Essere ammirati in questa maniera, da un allenatore di caratura internazionale, non può non far riflettere.

E, a proposito di grandi condottieri, in terra campana ce n’è uno che di ottimi calciatore se ne intende, eccome. Rafa Benitez, infatti, ripone grande fiducia nei confronti del colombiano. Perderlo, perlopiù a parametro zero, non rientra minimamente nei piani del tecnico (e non solo). Il tempo passa e la firma sul rinnovo contrattuale non arriva. Aurelio De Laurentiis, patron degli azzurri, ritiene di aver fatto il possibile per poter trattenere l’oggetto del desiderio zebrato. Sotto la Mole, dal canto loro, vivono la situazione con la massima serenità, consapevoli di poter beffare l’offensiva concorrente.
 
E l’Inter? Nel milanese hanno provato a giocarsi le proprie carte, ma in questo momento i nerazzurri sono alle prese con tematiche extracalcistiche e, di conseguenza, la concentrazione riversata nei confronti del mercato, per forza di cose, non può essere totale.

Segui Romeo Agresti su

Sullo stesso argomento