thumbnail Ciao,

Lasciato il nerazzurro dopo un semestre negativo, Schelotto è contento di rimettersi in gioco: "Di Francesco ci dà la carica, sto capendo le sue idee, il gruppo è fantastico".

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash

Prima Reto Ziegler dalla Juventus e ora Ezequiel Schelotto dall'Inter. Il mercato del Sassuolo si tinge di 'big'. Certo i due esterni sono esuberi di bianconri e nerazzurri ma potranno far molto comodo al gioco molto largo di mister Di Frabcesco. Presentato in tempi record, l'ex Atalanta spiega i suoi ultimi mesi da separato in casa, con la maglia dell'Inter:

"Ero in Argentina e quando ho saputo che non andavo in ritiro con l'Inter sono rimasto amareggiato ma ho rispettato la scelta della società. Ho sempre lavorato tanto, sempre pensando di dare il mio contributo e con la voglia di giocare e anche se non ho giocato tanto è stata un'esperienza bellissima. Quando il Sassuolo si e' fatto avanti sono stato molto contento".

Dopo le esperienze positive nella massima serie con Cesena, Catania e Atalanta, Schelotto torna a giocare in provincia: "Vengo a dare una mano per fare un grande anno e centrare il nostro obiettivo - sottolinea il calciatore - che e' la permanenza in serie A. Vengo con la voglia di giocare e dimostrare che sto bene. Arrivo a Sassuolo con umilta', per fare bene e raggiungere obiettivi importanti, magari per tornare in una grande squadra, ma per adesso penso al Sassuolo che mi ha dato la sua disponibilita'. In una squadra che ha meritato la promozione. E' un gruppo fantastico. Ieri nel mio primo allenamento ho visto dei ragazzi che hanno voglia di lottare, lavorare seriamente".

Nel gioco ampio e senza paura di Di Francesco, Schelotto è convinto di poter fare bene: "Lui ci da' la carica. Sto capendo le sue idee - conclude l'italo-argentino - anche se ho giocato poco con il 4-3-3. Ma faro' il possibile. Voglio mettermi a sua disposizione e giocare sulla fascia. Non mi manchera' la voglia di lavorare e contribuire agli obiettivi della squadra. Il primo, vincere la prima partita, in casa e poi vedere di farlo fuori casa, perche' in ogni partita e' fondamentale dare tutto nei 90'".

Sullo stesso argomento