thumbnail Ciao,

Il club biancoceleste è forte sul bomber turco ma non pareggia le richieste del club di Istanbul, il quale ha rifiutato anche l'inserimento di due contropartite tecniche.

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash

La Lazio è sempre a caccia di un attaccante. Il club biancoceleste ha sondato diverse opzioni e rimangono calde le piste che portano alla punta del Galatasaray Burak Yilmaz e a quella del PSV Eindhoven Tim Matavz, col primo quale obiettivo primario dei biancocelesti.

La cifra che vorrebbe il Galatasaray per il suo attaccante, però, 18 milioni di euro, è ritenuta troppo alta da Lotito, che finora è arrivato a quota 12. Costa meno lo sloveno Matavz, circa 10 milioni, ma su di lui permangono i dubbi di mister Petkovic. E comunque occorrerà anche vedere come finirà questa sera la sfida nei playoff di Champions fra PSV e Milan, con gli olandesi che in caso di qualificazione ritirerebbero Matavz dal mercato.

Quanto alla trattattiva per il bomber turco, è diventata torrida nelle ultime ore, al rimbalzare da Istanbul della notizia della partenza per Roma del Ds del Galatasaray Bulent Tulun, le cui parole al momento di imbarcarsi sul volo per Fiumicino lasciavano pochi dubbi sull'avanzare dell'operazione: "Ci sediamo a parlare, ma a meno di 18 milioni non vendiamo". Ribadita dunque anche la difficoltà di chiudere da parte di Lotito se non allarga i cordoni della borsa.

Eloquenti, sia sullo stato avanzato della trattativa che sul punto economico, le ulteriori dichiarazioni del plenipotenziario del Gala al suo atterraggio a Roma: "Questo è il primo incontro con la dirigenza biancoceleste. Per Yilmaz alla Lazio è soltanto una questione di soldi, se arriva l'offerta giusta Burak può lasciare il Galatasaray. L'incontro con la Lazio avverrà subito", le parole di Tulun a 'Lazialità.com'. Poi si è infilato di corsa nella macchina inviatagli dalla società biancoceleste.

Ma il primo incontro tra tra Igli Tare, il presidente Lotito e l'uomo mercato del club turco per cercare di limare le distanze sul prezzo del cartellino è terminato con una fumata nera. Nei discorsi tra i due club, al momento la distanza è di 6 milioni.

Il sodalizio di Istanbul non abbassa le pretese, i capitolini non aumentano la proposta di 12 milioni ma hanno provato ad inserire due contropartite tecniche nella trattativa che però sono state rifiutate dal 'Gala'. E così, dopo il 'no', Tulun si è imbarcato verso casa.

Oltre queste due piste estere, la Lazio sta ora valutando anche una pista tutta italiana. E' nel mirino biancoceleste, infatti, il bomber del Genoa Alberto Gilardino. Sono già diversi gli incroci di calciomercato fra i due club, basti pensare al riscatto da parte del Genoa di Matuzalem, che nella scorsa stagione ha giocato in rossoblù in prestito, e all'interesse del club ligure per il portiere biancoceleste Bizzarri.

L'affare Gilardino, però, non sembra poi così semplice, perchè prima di cederlo il Genoa vuole avere in mano il suo sostituto, che ha individuato in Marco Borriello della Roma. Dal suo canto, il club giallorosso darebbe il via libera a Borriello solo quando avrà trovato un altro attaccante con cui rimpiazzarlo in rosa. Insomma, un giro d'attaccanti che non sembra facilissimo da districare. Petkovic, comunque, attende la sua punta, se sarà italiana, turca o, al limite, slovena a lui poco importa.

Sullo stesso argomento