thumbnail Ciao,

Il presidente del club viola rimette in gioco un po' a sorpresa i rossoneri nella corsa al telento serbo. Ma la Roma sembra in netto vantaggio...

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash

Vincenzo Montella lascia fuori Adem Ljajic dalla lista dei convocati per il match della Fiorentina contro il Catania, ed allora si rincorrono voci di un addio ormai imminente del talento serbo, nonostante sia il tecnico che il Ds Pradè insistano che si tratta di esclusione tecnica causa mancanza di serenità del giocatore.

A confermare che Ljajic di fatto non è più un giocatore della Fiorentina, lasciando in bianco solo il nome del club cui approderà, ci pensa Andrea Della Valle nel dopo partita, che tuttavia condisce il tutto con una clamorosa riapertura al Milan, dopo gli attriti delle ultime settimane proprio su questo tema (il club rossonero era stato accusato di aver cercato l'accordo col ragazzo bypassando la società).

"Ljajic? Ho sentito il mister, non è successo niente. Il ragazzo è un po' nervoso, e Montella ha deciso di non portarlo qua. Mai al Milan? Io non dico mai a nessuna squadra, lui nei prossimi giorni quasi sicuramente lascerà Firenze...".

"Il caso Montolivo era molto diverso - argomenta poi il presidente gigliato - qua c'è un procuratore che fa interessi di Ljajic ma anche della società. E' una persona seria... L'entourage di Montolivo era un'altra cosa, e lo abbiamo visto".

Bluff di chi sa che il giocatore è già stato ceduto alla Roma (si parla di accordo già trovato tra i club sulla base di 11 milioni più bonus, mancherebbe solo il sì del ragazzo), oppure apertura reale?

Della Valle si sofferma poi su altre questioni di mercato: "Innesti ulteriori? Non credo ce ne sia bisogno, ad oggi mi sento di dire che non avremmo bisogno di niente. Portiere? No, non serve...".

Quanto al match vinto sul Catania, il numero uno viola spiega: "Abbiamo vinto come l'anno scorso alla prima partita, un buon inizio. Sapevamo che era difficile, loro sono un'ottima squadra, mi è piaciuta la personalità dei nostri. Gomez poteva fare il 3-1, ma ha giocato per la squadra, sarà per la prossima volta. Rossi? Non è ancora al 100 per cento, lo sapevamo che era forte. Ai Mondiali? Se gioca così come stasera, anche Prandelli lo chiamerà...".

"Ho visto un Cuadrado veramente stellare, possiamo far divertire ancora tutti anche quest'anno. Tutti hanno fatto una grande partita ma da domattina ci concentriamo subito sulla gara di giovedì contro il Grasshoppers, vogliamo fare molta strada anche in Europa", conclude Della Valle.

Sullo stesso argomento