thumbnail Ciao,

L'ad rossonero punta a spaventare la Fiorentina con un 'Montolivo Bis' per avere subito il serbo. Per il difensore il Milan vuole chiudere per il prestito, ma l'Inter non ci sta.

Da esigenza a emergenza. Se fino a pochi giorni fa trovare sul mercato una trequartista/seconda punta e un difensore era una delle strategie del Milan da qui alla fine della sessione, ora con Robinho out tre settimane per un fastidio muscolare e Bonera ko per 60-90 giorni, tutto diventa obbligatorio. Due i nomi forti: Ljajic e Silvestre.

Capitolo Ljajic: dopo il riavvicinamento ai viola delle scorse settimane, con il serbo che aveva prima indossato la fascia da capitano e poi (grazie ai continui colloqui) con Montella era stato ad un passo dal rinnovo, ora Adem Ljajic non è mai stato così lontano dall'intesa con il club toscano, tanto da essere stato escluso anche dall'ultima amichevole della Fiorentina contro l'Ael Limassol.

Il fantasista va in scadenza la prossima estate, ecco perchè Della Valle ha paura che si ripeta un Montolivo-bis. Rischio grossissimo visto che ad oggi, sia il rinnovo sia l'acquisto diretto del Milan sembrano opzioni difficili da raggiungere. Troppa la distanza fra giocatore e club: Ljajic vuole 1,8 milioni l'anno con clausola rescissoria non superiore i 10 milioni; Pradè non può andare oltre il milioni d'ingaggio e vuole fissare in 15-16 milioni il prezzo minimo per strapparlo da Firenze. Il Milan (che non ha ancora parlato direttamente con il procuratore del ragazzo) cercherà di averlo subito, ma i toscani chiedono 10 milioni, più o meno la cifra che hanno speso per Ilicic.

Complicata anche la manovra per avere Silvreste dall'Inter. L'argentino è fuori rosa e questo facilità il Milan che avrebbe già trovato un intesa con il calciatore. Solito giochetto di Galliani, forzare la mano con il club dopo aver già avuto l'ok del diretto interessato: tecnica che fino a qualche anno fa funzionava bene ma che nelle ultime occasioni, vedi Tevez e Honda si è trasformato in un boomerang pericolosissimo.

L'Inter (che deve pagare ancora 6 dei 9 milioni promessi al Palermo) chiede la comproprietà, mentre il Milan valuta il prestito con diritto di riscatto. Se le due parti non si avvicinano, l'affare è complicatissimo. Silvestre, che ha rinunciato al Parma un mesetto fa, era ormai ad un passo dal Genoa. Ma con il Milan in pressing ora il difensore farà muro contro muro con l'Inter e questa potrebbe essere l'unica vera arma a favore di Galliani.

Sullo stesso argomento