thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - C'è già l'intesa con l'esterno colombiano, convincere gli azzurri non sarà facile: Marotta tenta l'ultima offensiva prima di rinviare ogni discorso al 2014.

Ultimi tentativi, complessi, ma al tempo stesso concreti. La Juventus prova una nuova offensiva per Juan Camilo Zuniga, terzino sinistro del Napoli avviato verso la scadenza di contratto (giugno 2014, ndr). Il calciatore colombiano, prima scelta di Antonio Conte per rafforzare la corsia mancina, al momento non viene ritenuto cedibile dal club di Aurelio De Laurentiis.

Il patron degli azzurri non è preoccupato dalla prospettiva di poter perdere un giocatore così importante a parametro zero. La politica partenopea, infatti, è sempre la stessa: pagare moneta, vedere cammello. E, quando le proposte non vengono ritenute consone da Riccardo Bigon e soci, inevitabilmente, le prospettive di dialogo si riducono sistematicamente ai minimi termini.
 
La Vecchia Signora, con grande cautela e rispettando la posizione interlocutrice, nelle prossime ore formulerà una nuova offerta che si aggirerà attorno ai 6 milioni. Una proposta ritenuta congrua da Marotta e Paratici, orientati a regalare un altro prezioso tassello al mosaico sapientemente amalgamato da Antonio Conte.

La missione è senza dubbio delle più complesse e, la concorrenza dell’Inter, non agevola certamente i piani dei dirigenti di corso Galileo Ferraris. La truppa meneghina, con la regia di Walter Mazzarri, vorrebbero soffiare il sudamericano ai campioni d’Italia.

La Juventus, però, sembrerebbe essere avanti. E questa sensazione viene confermata dai numerosi contatti fatti registrare con Riccardo Calleri, agente dell’ex senese. I bene informati, a testimonianza di come questa tesi non si riduca al semplice chiacchiericcio, narrano di un quadriennale da 2.5 milioni pronto per essere siglato. Una sorta di intesa totale.
 
Anche il possibile coinvolgimento di alcune contropartite tecniche non sembrerebbe potersi rivelare una chiave vincente. Con decisione il Napoli ha respinto le candidature di Reto Ziegler e Paolo De Ceglie, due pedine che non rientrano nei piani di Madama.

La situazione è ingarbugliata, motivo per cui nel torinese non vogliono portare il discorso per le lunghe, proprio per evitare stucchevoli telenovele. Il 27enne di Chigorodo viene considerato dal tecnico salentino il rinforzo ideale per aggiungere qualità e intensità sulle corsie esterne, motivo per cui sotto la Mole sarebbero propensi a fare un sacrificio.

Insomma, Zuniga continua ad essere il nome primario sulla lista della spesa zebrata. La soluzione dell'enigma non è semplice, ma in terra piemontese confidano nell’aspetto contrattuale. Qualora l’affare non dovesse svilupparsi in questa sessione, la concentrazione marottiana virerebbe verso la prossima annata calcistica. Con tanto di finale in pieno stile Llorente bis già scritto.

Segui Romeo Agresti su

Sullo stesso argomento