thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il portoghese ha bocciato le proposte da parte di Roma e Monaco. Nei suoi sogni club come Real Madrid e Juventus, ma occhio alla pista Anzhi.

Il portoghese Nani non ha chance di restare ai Red Devils nonostante il contratto lo tenga ancora virtualmente legato al Manchester United. E, pur consapevole da tempo dell'uscita che gli imporrà anche il nuovo staff tecnico, l'ala lusitana continua a non cedere sul lato contrattuale, spaventando di fatto le pretendenti di turno.

Per lo meno quelle più interessanti tipo Monaco e Roma, soprattutto se il passaggio comporta la rinuncia alla vetrina europea: 6 milioni a stagione la richiesta, per minimo 3 anni, condizioni che hanno spaventato Sabatini che ha provato nelle scorse ore a fare un bel regalo a Garcia e al suo 4-3-3 fatto di ampiezza (la variante è il 4-2-3-1 ma al Lille non ha del tutto soddisfatto).

D fatto, si è trattato di una rottura immediata tra le parti, con un intermediario che non risponde più a Jorge Mendes, il quale praticamente ha lasciato la procura del giocatore. Situazione quasi analoga nel sondaggio reciproco effettuato con il Monaco, che nonostante tutti i grandi acquisti messi a segno finora restava allettato dall'idea di inserire un tornante naturale nel superorganico a disposizione di Claudio Ranieri.

I monegaschi hanno reputato di offrire non più di 3,5 milioni a Nani, il quale comunque ha anche un suo costo di cartellino, per quanto sia crollato vertiginosamente da 19 a 12 milioni nello stretto giro di poche settimane.
Le eccezioni a livello di richiesta, da quel che trapela, Nani le farebbe soltanto per piazze come Real Madrid e Juventus (ma nel progetto Ancelotti e nel progetto Conte non è ritenuto essenziale): si accontenterebbe di 4x4, lui che comunque è ancora un classe 1986 potenzialmente nel pieno della carriera.

Forse si fa forte dell'offerta dell'Anzhi che lo accontenterebbe in tutto e per tutto e a questo punto un pensierino alla Russia e un sì a Hiddink chiuderebbero un cerchio che soprattutto a Manchester sta diventando un tormentone.

Segui Luca Momblano su 

Sullo stesso argomento