thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - I rossoneri continuano a trattare con i Citizens, nel mirino ci sarebbe adesso il roccioso difensore centrale. Gli inglesi chiedono De Sciglio, niet del Diavolo.

L'intreccio dei rapporti tra Milan e Manchester City non finisce mai. Iniziò tutto con Robinho, si è proseguito con Mario Balotelli, quindi la telenovela Tevez e il nuovo documentario a puntate legato al nome di Stephan El Shaarawy. Su quest'ultimo fronte, tra l'altro, il faccia a faccia tra il Faraone e Adriano Galliani potrebbe anche non essere decisivo: il Milan, se sarà un affarone, considererà tutto fino almeno a Ferragosto.

L'intreccio è lungi dal finire qui, perché i dirigenti dei Citizens e i vertici rossoneri restano in contatto multiplo: c'è interesse a fare qualcosa insieme. Ma attenzione, l'ultimissima richiesta di Soriano, evidentemente stimolato dal neo allenatore Pellegrini, è un certo De Sciglio.

Una richiesta non casuale, vista la personalità, la duttilità e la sorprendente maturità con le quali si è imposto il giovane ragazzo su ambo le fasce e anche in partite assolutamente decisive in chiave qualificazione Champions. La risposta è stata secca: no.

A tutto però c'è una spiegazione, ovvero il forcing che il Milan sta cercando di mettere in atto per arrivare a trattare a cifre molto ragionevoli il difensore jolly Micah Richards, sponsorizzato anche da Balotelli, fisico d'acciaio ma ancora da lavorare tatticamente. Non più di 8/9 milioni la valutazione di via Turati contro i 14 chiesti dal Manchester. Richards però non rientra più nei piani tecnici e proprio in queste ore si è registrata una accelerazione che potrebbe anche aprire una reale trattativa.

Con o senza El Shaarawy, al momento in conflitto sia per motivi di atteggiamento che per valutazione tecnica, visto che Allegri non lo vede né trequartista né seconda punta centrale. L'accelerazione di cui sopra è anche spinta dall'autoesclusione di quasi tutte le altre contendenti, tra cui l'Inter, che aveva pensato al coloured inglese, e il Liverpool, che ha parte della retroguardia da rifondare stando alle ultimissime che riguardano Skrtel e Agger, vicini al passo d'addio.

Segui Luca Momblano su 

Sullo stesso argomento