thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Dopo le parole di Elkann la società bianconera non può più nascondersi: il montenegrino è un obiettivo concreto per il reparto d'attacco.

John Elkann, massimo esponente di Fiat ed Exor, non ama molto dialogare con i giornalisti. E se in quelle rare occasione che lo fa, si lascia andare dichiarando Jovetic è forte, bisogna prenderlo e non parlarne”, significa che l’interessamento juventino nei confronti del montenegrino si fa sempre più insistente.
 
La Vecchia Signora con l’entourage del 23enne di Podgorica si confronta quotidianamente. Le intenzioni di ‘Jojo’ sembrerebbero essere ormai chiare, vuole continuare la sua avventura in Italia e, soprattutto, vorrebbe approdare alla corte di Antonio Conte, tecnico da sempre grande estimatore del numero 8 gigliato. Per celebrare questo matrimonio, però, servirà tanta pazienza.

Gli uomini di corso Galileo Ferrarsi negli ultimi mesi hanno iniziato ad operare in maniera diplomatica, cercando di ricucire lo strappo estivo causato dal caso Berbatov. La missione non è delle più agevoli, la famiglia Della Valle basa il proprio modus operandi sulla serietà e, quindi, per far ritornare il sereno occorrerà muovere le pedine giuste al momento giusto. Un’offerta consona per portare via Jovetic da Firenze potrebbe risultare un’ottima tattica di riappacificazione, quel tassello mancante per poter porre fine alle ostilità.
 
I dirigenti juventini attendono e, intanto, si apprestano a incontrare nuovamente Fali Ramadani, procuratore del gioiello viola. La prossima settimana l’agente serbo potrebbe sbarcare in Italia per fare il punto della situazione. Oltre a definire la vicenda Jovetic, il manager di origini turche con i toscani dovrà approfondire l’argomento Adem Ljajic. Quest’ultimo, infatti, è in attesa di buone nuove sul tema del rinnovo, è legato da un contratto che scadrà il 30 giugno del 2014, e in Toscana non vogliono minimamente prendere in considerazione la possibilità di perderlo a parametro zero, a maggior ragione dopo l’ultima stagione che lo ha visto assoluto protagonista.
 
Ramadani, senza tanti giri di parole, ha in ballo più situazioni con il club fiorentino, tutte da definire a stretto giro di posta. La Juventus in tal senso non si fa problemi, non ha timore della concorrenza ed è fiduciosa di poter mettere le mani su quel giocatore lungamente corteggiato la scorsa estate.

Ai gigliati continuano a piacere Quagliarella, Marrone, Giaccherini e Isla. La Vecchia Signora risponde con l’inserimento nell’affare del cartellino dell’ex Napoli, mentre sul giovane centrocampista torinese sarebbe più restia a farlo partire, in particolar modo a titolo definitivo. E’ da escludere con forza, invece, l’ipotesi di un possibile coinvolgimento di ‘Giaccherinho’, da sempre pupillo di Conte. Per il cileno, dal canto suo, non bisogna escludere nessuna ipotesi, neanche un clamoroso approdo in quel di Milano sponda nerazzurra.
 
La prossima settimana, dunque, potrà fornire qualche indizio più dettagliato sul futuro di Jovetic. I piemontesi si apprestano a incontrare il suo entourage per dare un’accelerata alla trattativa; la Fiorentina ha iniziato a valutare le contropartite tecniche bianconere e, questo passaggio, potrebbe agevolare sensibilmente il buon esito dell’operazione.

Sullo stesso argomento