thumbnail Ciao,

Jorge Mendes, procuratore dei due connazionali in forza al Madrid, ha fatto il punto sulla situazione, parlando poi di Italia: "Di Maria e Ibra alla Juve difficile, bene Martinez".

Non è certo un segreto, ma pian piano i tasselli stanno creando il puzzle Chelsea. Josè Mourinho dalla prossima stagione tornerà a Londra per allenare i suoi vecchi Blues, la squadra tanto amata e lasciata anni fa per approdare in Italia.

Sentito da 'Radio Manà Manà Sport', Jorge Mendes, procuratore dell'allenatore lusitano, ha aperto ampiamente a tale possibilità, esprimendosi in cifre: "Dopo la partita contro il Borussia ha parlato ed è stato abbastanza chiaro che vuole andare via, il Chelsea è una destinazione probabile all'80%. I tifosi Blues lo adorano, lo amano. In un futuro può darsi anche il Manchester United, è noto l'amore con Ferguson".

Oltre allo Special One, nella sua scuderia l'agente ha anche Cristiano Ronaldo. Altra notizia, oltre a Mou anche CR7 potrebbe sul serio cambiare città, squadra e Nazione:  "Quando i giocatori sono forti è normale che i grandi club siano interessati, il Paris Saint German è una possibilità...".

Madrid rivoluzionata, magari anche Angel Di Maria via, seguito in Italia: "I giocatori forti creano interesse. In Serie A la vedo dura, sono necessari molti soldi e le squadre italiane non spendono come prima. Si è parlato anche di Ibrahimovic in ottica Juventus? Molto, molto difficile".

A proposito di Madama, Marotta segue Jackson Martinez: "Ci sono molti giocatori interessanti in Portogallo, lui ad esempio è molto bravo tecnicamente, forte fisicamente ed ha senso del goal, farebbe benissimo in serie A. Flavio Ferreira? E' seguito dalla Roma, un centrocampista difensivo molto interessante".

Sullo stesso argomento