thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - I tanti stop dovuti a problemi fisici hanno fatto calare l'interesse della Juventus per Jovetic. La Fiorentina, intanto, punta quattro bianconeri.

Paolo De Ceglie, Simone Padoin, Emanuele Giaccherini e Luca Marrone. Questo poker di giocatori bianconeri viene particolarmente seguito dalla Fiorentina, la quale in vista del ritorno in Europa, da decifrare ancora se sarà in quella che conta o meno, si prepara a rinforzare l’organico allenato dall’ottimo Vincenzo Montella.
 
I dissapori maturati nel corso della scorsa estate sembrerebbero essere un ricordo. Bianconeri e viola dopo la vicenda Berbatov per lunghi mesi non si sono parlate e, solamente da gennaio, la situazione appare cambiata. In Toscana, complice l’avvento del duo Pradè-Macia, hanno sapientemente dimostrato di saper far calcio e, in virtù del voler alimentare quest’ottimo ruolino di marcia, vorrebbero ampliare il proprio parco calciatori inserendo elementi di spessore e che possano dire la propria anche fuori dai confini italiani. E se le risorse economiche a disposizione del campionato italiano sono sempre minori, occorre inventarsi qualcosa, anche andando a scovare qualche esubero in quelle società che possano vantare rose a dir poco allargate.
 
In un contesto del genere sarebbe facile accostare nuovamente Stevan Jovetic alla Vecchia Signora. Ma le informazioni raccolte dalla redazione di Goal.com Italia vanno in tutt’altro senso. Che Antonio Conte stimi particolarmente l’attaccante montenegrino è diventato il segreto di Pulcinella, tuttavia, nell’ultimo periodo, complice i numerosi infortuni fatti registrare dal 23enne di Podgorica, questo interessamento si sarebbe affievolito. Attenzione, l’allenatore pugliese se potesse allenare il numero 8 dei gigliati lo farebbe con grande felicità, ma in questo momento in corso Galileo Ferraris non sembrerebbero essere propensi a investire i famosi 30 milioni richiesti dai fiorentini per un calciatore alle prese con ripetuti problemi fisici. E, dal momento che nel capoluogo toscano non hanno nessuna intenzione di imbastire un’operazione che racchiuda delle contropartite tecniche, questa pista con il passare dei giorni è diventata sempre meno concreta.
 
Detto questo, però, recentemente qualche contatto tra le due dirigenza è stato registrato. Se per Marrone e Padoin l’ipotesi di un addio appare poco percorribile, proprio perché Conte ha da tempo posto un veto sui cosiddetti “gregari”, per De Ceglie e Giaccherini il discorso è diverso. Il primo, complice l’arrivo di Federico Peluso, difficilmente riuscirà a trovare spazio nel prosieguo della sua avventura juventina e, per questo motivo, ha iniziato a valutare la possibilità di emigrare verso altri lidi. Mentre “Giaccherinho”, così soprannominato dal tecnico salentino, vorrebbe restare nel torinese, in quanto pur se non riesce a trovare molto spazio viene sempre considerato dall’ambiente un elemento affidabile e, soprattutto, proprio perché con il condottiero leccese è riuscito a instaurare un rapporto splendido.
 
Non trovano riscontri, invece, le voci di un possibile, nonché nuovo, interessamento viola nei confronti di Alessandro Matri e Fabio Quagliarella. La Fiorentina sta seguendo in maniera interessata il possibile valzer estivo delle punte, ma al tempo stesso monitora in maniera meticolosa il tema ingaggi e, quelli dei due bianconeri, appaiono fuori target per la piazza gigliata.

Segui Romeo Agresti su

Sullo stesso argomento