thumbnail Ciao,

Amauri chiama a raccolta Parma e società: "Dobbiamo tutti volere qualcosa in più, resto qui tre anni"

L'attaccante italo-brasiliano ha parlato in conferenza stampa del momento gialloblù, crociati che non vincono da tre gare: "Sappiamo di doverci riprendere. Resto per tre anni".

Un punto nelle ultime tre giornate per il Parma di Roberto Donadoni, intenzionato a tornare alla vittoria il più presto possibile. Non ci sono pericoli di retrocessione per la formazione gialloblù, ma i tifosi chiedono alla squadra maggior impegno per questo finale di stagione.

"Da tempo c’è un feeling particolare con i tifosi di Parma. E’ un segno che sto facendo qualcosa di bello, così come lo sta facendo la squadra. Contro l'Udinese ho regalato la maglia i tifosi, per ringraziare" riferisce Amauri in conferenza stampa. "Anche nei momenti di difficoltà è giusto dare un segnale del genere".

L'italo-brasiliano ha trovato in Emilia la sua dimensione: "Da parte della curva c’è sempre stato il sostegno e quindi mi è sembrato giusto ringraziarli, e spero di portare avanti questo rapporto fino a quando sarò qui. Quanto? Per altri 2-3 anni, spero".

Il sito ufficiale crociato riporta le sue dichiarazioni in vista delle ultime quattro gare:  "Il gruppo resta forte e unito, sia che si vinca sia che si perda. Sappiamo che dobbiamo uscire da questo momento, così come siamo usciti dal periodo con 8 partite senza vittorie. Dobbiamo crescere sotto certi aspetti come tutti i gruppi".

"Se domenica giocheremo con lo stesso spirito di voler dare qualcosa in più tutti quanti, la squadra, la società, i tifosi, allora uscirà qualcosa di importante. Lo abbiamo già dimostrato tante volte, ad esempio col Torino. Lo spirito deve essere quello di non abbattersi e di non accontentarsi mai".

Sullo stesso argomento