thumbnail Ciao,

Difensore statuario classe '94, ha conquistato i rossoneri durante il Sub-20 vinto con la sua Colombia: il Milan aspetta di liberare una casella da extracomunitario per tesserarlo.

JHERSON VERGARA AMU | La Scheda
Club Universitario Popayan
Ruolo Difensore centrale
Data di nascita
26 maggio 1994
Altezza/Peso 187 cm/80 kg
Nazionalità Colombia
A chi assomiglia Yepes, Zapata

Il Milan continua a seguire la linea verde, un progetto portato avanti colpo (di mercato) su colpo. Allegri ha chiesto una difesa nuova di zecca per l'anno prossimo, e dopo Salamon, Galliani ha praticamente chiuso per Jherson Vergara, statuario difensore colombiano classe '94 pronto a prendere l'eredità in rossonero di Yepes e Zapata.

GALEOTTO FU IL SUDAMERICANO - Vergara nasce a Valle del Cauca, piccolo dipartimento situato nella zona sud occidentale della Colombia nel quale si tifa Universitario Popayan, squadra militante nella serie cadetta colombiana, il Torneo Postobon. E' qui che Vergara ha iniziato a fare sul serio dopo che il Deportivo Quindio (che gioca nella Liga Postobon, la serie A) non è riuscito a valorizzare le sue potenzialità.

L'Universitario non è di certo uno squadrone (anzi, tutt'altro), ma le ottime prestazioni di Vergara attirano l'attenzione di Carlos Restrepo, ct della Colombia Under 20, che decide di convocarlo per il Sudamericano di categoria in programma in Argentina. Vergara sceglie la maglia numero 2, si piazza al centro della difesa e diventa uno dei punti di forza dei baby cafeteros.

Nella prima partita del torneo, contro il Paraguay, è proprio lui a segnare il goal vittoria con un gran goal in mezza rovesciata da rapinatore d'area di rigore. Il meglio di sè lo da però quando difende: forte, difficile da spostare e con un gran senso della posizione, Vergara è senza dubbio uno dei protagonisti della cavalcata trionfale della Colombia, che vince tra gli applausi il Sudamericano.

Ed è proprio grazie al Sudamericano che gli osservatori del Milan si innamorano di lui. Monitorato con attenzione, Vergara conquista partita dopo partita sempre più consensi ed alla fine convince il club rossonero ad investire su di lui.

TRA YEPES E ZAPATA - Tra i tantissimi talenti che ha a disposizione, alla Colombia mancava proprio qualcuno che potesse dare il ricambio generazionale in difesa. Soprattutto considerando il fatto che il monumentale Mario Yepes va ormai per i 38 anni e i suoi compagni di reparto non sono certo dei ragazzini.

Con l'esplosione di Vergara, però, lo scettro da leader difensivo di Super Mario non resterà incustodito. Agli occhi risaltano l'altezza considerevole ed il fisico asciutto, poi c'è il tempismo, l'abilità nel colpo di testa, la tenacia nella marcatura e la personalità. Tutti recquisti che fanno di Vergara un difensore adatto al calcio europeo.

A vederlo muoversi in campo somiglia molto al primo Zapata, quello che passò nel 2005 dal Deportivo Cali all'Udinese. Ovviamente deve ancora migliorare dal punto di vista tattico, ma in tal senso l’Italia può rappresentare il paese ideale per la sua crescita.

GIOVANE DIAVOLO - Il Milan è probabilmente la prima squadra in Italia che non ha nessun timore o problema a puntare sui giovani. A costruirsi in casa il campione invece di andarlo a cercare, spesso con esiti negativi, già formato.

L'affare Vergara è in questo senso il vero e proprio emblema della nuova politica rossonera, libera dai pregiudizi secondo i quali è da pazzi occupare una casella da extracomunitario con un difensore sconosciuto che proviene dalla serie b colombiana.

Se il Milan fa questa scelta ha le sue buone ragioni, significa che è sicuro del valore di un ragazzo che arriva in Italia a 18 anni pronto per essere plasmato e trasformato, nel giro di qualche anno, in una delle colonne portanti della difesa rossonera.

A partire dalla prossima stagione Allegri potrà contare su di lui e su altri due ragazzini terribili come Cristante e Saponara, senza dimenticare che De Sciglio e Niang avranno maturato un anno in più di esperienza. Sarà un Diavolo sempre più giovane e sempre meno timoroso di esserlo.

Segui Marco Trombetta su

Sullo stesso argomento