thumbnail Ciao,

Il regista rossazzurro, protagonista di una grande stagione, lancia il Catania verso l'Europa e in chiave mercato ammette candidamente: "Mi manca la mia Napoli".

Il tecnico Maran ne è sicuro: "Lodi meriterebbe la Nazionale, ma Prandelli ne terrà conto". Il regista del Catania sta in effetti mostrando di meritare le più grandi ribalte, prestazione dopo prestazione, e quasi certamente il suo nome sarà uno dei più caldi nel prossimo mercato estivo.

La convocazione in azzurro però non è ancora arrivata, Lodi si è così consolato con un sabato pomeriggio di festa, tra presente e passato, vissuto al Massimino con 5.000 tifosi sugli spalti ad applaudire giocatori di ieri e di oggi. In campo per circa un quarto d'ora, il neo ventinovenne ha scherzato così ai microfoni di 'Sky Sport'. "La Nazionale l’ho vista in tv... Gli azzurri hanno avuto una grande reazione. Per il resto, io rispondo solo sul campo, poi sta al ct decidere. Se non mi ha chiamato avrà avuto i suoi motivi".

Oggetto di un appassionante derby di mercato tra Inter e Milan durante la finestra invernale del mercato, Lodi mostra di non aver alcun tipo di rimpianti: "La società mi ha sempre trattato con i guanti bianchi  e ogni decisione sarà presa in totale sintonia con il presidente Pulvirenti, sia per il mio bene che per quello del Catania".

Quindi il regista ammette candidamente: "Inter o Milan? A me manca Napoli, anche se ormai Catania è la mia Napoli, però più tranquilla. In questo momento, comunque, non penso al mercato. Penso solo a fare bene nel Catania. Quest’anno è stato importante dopo una stagione positiva come quella passata. Volevo confermarmi e oggi punto a migliorarmi ancora".

Poi confessa: "E’ un onore per me essere accostato a un giocatore come Pirlo, che è da Pallone d’oro, ma lavoro duro e non mi monto la testa. Il mio obiettivo è migliorare il bottino di nove goal realizzati lo scorso anno e continuare a fornire buone prestazioni per aiutare la squadra in questa rincorsa europea".

E sugli obiettivi futuri del Catania chiosa: "E’ gratificante essere nelle posizioni di vertice. Non vogliamo nasconderci: nelle prossime nove gare faremo di tutto per centrare la qualificazione in Europa League, ci sono diversi club davanti a noi, tutti abituati a lottare per questi obiettivi, ma la distanza è minima. Lotteremo sino alla fine, non vogliamo rimpianti". Infine Lodi ringrazia Montella ed esalta Maran: "Montella ha avuto il grande merito di cambiarmi di ruolo. Maran è un ottimo tecnico con il quale puoi parlare di tutto, anche fuori dal calcio".

Sullo stesso argomento