thumbnail Ciao,

Il tecnico azzurro, molto stimato da Moratti, potrebbe essere l'ideale successore di Stramaccioni in caso di mancata riconferma. Ma De Laurentiis non si farà trovare impreparato.

Tutto dipenderà dai risultati, sia chiaro. I destini degli allenatori, in Serie A come ovunque (ma qui di più, forse...), sono inevitalmente legati ai verdetti del campo. Ad esempio in casa Inter, dove è stata avviata una faticosa rifondazione, i cui frutti non sono ancora maturati, potrebbe arrivare l'ennesimo ribaltone, qualora a giugno i nerazzurri dovessero ritrovarsi ancora fuori dalla Champions.

Sarebbe uno smacco per Moratti, intenzionato a riportare il suo club tra le grandi del continente. Ecco perchè il futuro di Andrea Stramaccioni sembra appeso ad un filo: o terzo posto o addio, e chissà se potrebbe bastare la sola, eventuale conquista dell'Europa League per guadagnarsi la permanenza a Milano.

In caso di divorzio con il tecnico romano, il favorito per la successione, secondo il 'Corriere dello Sport', sarebbe Walter Mazzarri. Il mister, per rimanere a Napoli, ha chiesto un aumento dell'ingaggio, cosa non troppo gradita da De Laurentiis, che in queste settimane ha inviato segnali contrastanti.

"Per me Walter potrebbe restare a vita: non è un problema economico, essendo uno dei tecnici più pagati. Sarà lui a decidere", ha spiegato il patron qualche giorno fa. Al momento è difficile fare previsioni: lo stesso Mazzarri ha rinviato ogni decisione a giugno. Dovesse trasferirsi a Milano, è probabile che a seguirlo potrebbe esserci anche il ds Riccardo Bigon, al quale Moratti sarebbe ben disposto ad offrire un incarico dirigenziale.

E il Napoli? Non rimane di certo a guardare, tanto che gli azzurri hanno già individuato un'alternativa al tecnico di San Vincenzo, ovvero Rolando Maran, stratega della rivelazione Catania. Una scelta che, per caratteristiche e costi (bassi), sarebbe ideale per il progetto De Laurentiis, fatto di investimenti non particolarmente cospicui e rese più o meno elevate.

Sullo stesso argomento