thumbnail Ciao,

L'esterno sinistro brasiliano, finito ai margini del Bayern Monaco, non esclude un ritorno in Serie A, dove ha già giocato con la maglia del Genoa.

Finito ai margini del Bayern Monaco, con cui conta quest'anno appena 9 presenze, il terzino sinistro brasiliano Rafinha, non esclude un ritorno in Italia nella prossima stagione. La Roma ci sta seriamente pensando, anche perché il giocatore può accasarsi liberamente con qualsiasi club, visto che il suo contratto con i bavaresi scadrà il prossimo 30 giugno.

Intervistato in esclusiva dal 'Corriere dello Sport', l'esterno sinistro strizza l'occhio ai giallorossi. "In questo momento sono concentrato sul Bayern e voglio vincere la Bundesliga. - ha dichiarato - Quello che succederà in futuro però nessuno può dirlo. La Roma è una delle migliori squadre in Italia e tutte le partite che ho giocato contro i giallorossi erano speciali, soprattutto quella che abbiamo disputato all’Olimpico, uno stadio davvero emozionante".

Il brasiliano ex Genoa ha detto comunque di non saper nulla dell'interesse del club capitolino nei suoi confronti. "L’ho letto sui giornali italiani che continuo a sfogliare su Internet, ma nessuno della Roma mi ha contattato personalmente".

Ma ammette di essere attratto dall'idea di giocare accanto a un campione come Francesco Totti. "Senza dubbio Totti è una leggenda del calcio italiano e lo ha dimostrato anche contro la Juventus, sabato scorso. Ha segnato una rete pazzesca".

A favorire il suo ritorno in riva al Tevere potrebbe essere la presenza di una fitta colonia brasiliana in giallorosso. "Conosco Castan, Marquinhos, Dodo, Taddei e Marquinho, - ha detto - sono tutti bravi giocatori e stanno dando il loro contributo alla squadra".

Rafinha è poi affascinato dalla città. "Roma mi piace parecchio. - ha affermato - Ci sono stato alcune volte quando mio fratello ha giocato a calcetto in quella zona. Roma è una grande città che non dorme mai. Fantastica".

L'ultimo pensiero è per il Genoa, sua ex squadra. "L’esperienza a Genova è stata molto importante per la mia carriera. - ha affermato - Prima di arrivare in Liguria non mi rendevo conto di quanto fosse sentito il derby e invece adesso so che nei prossimi 50 anni ogni 16 febbraio i tifosi rossoblù ricorderanno quella mia rete. L'arrivo di Ballardini? Ama il Genoa e questo fa la differenza".

Sullo stesso argomento