thumbnail Ciao,

I nerazzurri, che hanno praticamente chiuso per il gioiello della Sampdoria, continuano la caccia ad un vice Milito. Carew e Van Nistelrooy non convincono, per ora si resta così.

Inter vigile sul mercato, l'infortunio di Milito sembra infatti rendere necessario mettere una toppa nela rosa nerazzurra. I dirigenti di corso Vittorio Emanuele si guardano intorno e scandagliano l'Europa a caccia di qualche svincolato che possa fare al caso di Stramaccioni.

I vari Carew, Van Nistelrooy e Mpenza sono però lontani da una forma accettabile, e, come riportato oggi da 'Tuttosport', in casa Inter non c'è alcuna volontà di investire su giocatori destinati a non fare parte del futuro nerazzurro. In vista di giugno invece i piani sono chiari, e portano dritti a Mauro Icardi.

Con l'entourage del giocatore l'accordo è praticamente raggiunto, quello con la Sampdoria non sarà un problema dati gli ottimi rapporti che intercorrono tra Moratti e Garrone. Sarà Icardi insomma il punto fermo dell'attacco nerazzurro nelle stagioni a venire.
 
L'opera di ringiovanimento dell'attacco interista non si fermerà al solo Icardi.  In vista dell'anno nuovo quindi il club nerazzurro pensa di acquistare almeno un altro tassello offensivo. Il nome su cui puntare è già stato individuato,  Balazs Dzsudzsak, ala perfetta per il 4-3-3 di Stramaccioni, e che da gennaio 2012 milita nelle file della Dinamo Mosca dopo le esperienze con Anzhi e Psv.

Ventisette anni, Dzsudzsak giostrerebbe molto bene su entrambe le fasce, e rappresenterebbe un utilissimo jolly per il tecnico nerazzurro. Non è escluso poi che l'Inter vada a caccia di una prima punta di ruolo, anche per non mettere fretta a Milito, impegnato nel recupero dal pesantissimo ko subito la settimana scorsa in Europa League.

I sogni si chiamano Dzeko e Leandro Damiao ma, se l’Inter farà il colpo Icardi, difficilmente Moratti avrà altre risorse per un acquisto del genere, considerando anche che, al momento, l'obiettivo Champions sembra davvero difficile da centrare. Chi invece pare vicino a vestirsi di nerazzurro è il giovane Bellomo, tifoso interista e grande ammiratore di Antonio Cassano.

L'ultima suggestione è poi rappresentata da Fabio Quagliarella, ormai tagliato fuori dai progetti di Conte, e per il quale il club meneghino avrebbe già preso contatti con l'agente Beppe Bozzo. Lo stabiese in estate potrebbe infatti salutare la Juventus per una cifra vicina ai sette milioni di euro.

Nel frattempo l'Inter avrebbe messo nel mirino anche alcuni giovani talenti che bene si stanno disimpegnando in giro per l'Europa. Ci sarebbe infatti anche il club nerazzurro sul ventenne attaccante dell’Amburgo, il sudcoreano Heung-Min Son. In Germania occhi puntanti anche su Sebastian Polter del Norimberga, ma di proprietà del Wolfsburg; mentre in Olanda viene seguito il bomber principe dell’Eredivisie, l’ivoriano Wilfred Bony del Vitesse.

Sullo stesso argomento