thumbnail Ciao,

Sorpresa dall'Inghilterra: Di Canio si è dimesso dalla panchina dello Swindon Town

Il tecnico italiano ha deciso di lasciare l'incarico dopo aver guidato la squadra lo scorso anno alla vittoria della League Two: "Ci sono state promesse non mantenute".

L'allenatore italiano Paolo Di Canio ha ufficialmente rassegnato le dimissioni da allenatore dello Swindon Town, dopo aver guidato la squadra alla storica vittoria della League Two.

Alla base della decisione del tecnico ci sarebbero delle divergenze insanabili con il club, reo, a suo dire, di aver avanzato delle promesse salvo poi non mantenerle e agire anzi in direzione contraria.

"Martedì scorso, 12 febbraio, ho formalmente confermato le mie dimissioni dalla panchina dello Swindon Town, con effetto immediato. - si legge in una nota ufficiale dell'ex giocatore della Lazio - Come avevo riferito in precedenti occasioni, ci sono state una serie di promesse non mantenute da parte del club in questi ultimi mesi in cui sono stato allenatore della squadra".

"Nelle mie precedenti dichiarazioni alla stampa il 1° febbraio - prosegue il comunicato dell'allenatore - dissi che stavo riflettendo sul mio futuro, visto che la mia posizione con il club era diventata insostenibile, dopo aver scoperto che Matt Ritchie era stato venduto senza il mio consenso".

"Nonostante questi problemi
- sottolinea deluso Di Canio - io ho mantenuto le promesse facendo anche di più di quello che mi era stato chiesto, centrando lo scorso anno la promozione in League One vincendo il titolo della League Two e quest'anno lottando per la promozione in Championship con un anno d'anticipo rispetto ai tempi previsti, e lascio la squadra a tre punti dal primo posto".

Così è arrivata la difficile scelta di lasciare la guida della squadra. "Non ha dato subito le dimissioni. - ha spiegato Di Canio - Né ho dato notizia della mia decisione prima di averla ufficialmente confermata, perché non volevo compromettere le trattative per la vendita del club, e perché ho voluto ascoltare prima le proposte e i progetti dei nuovi proprietari".

"Al momento della diffusione di questo mio comunicato - conclude Di Canio - non ho ricevuto proposte da parte della nuova proprietà e mi è stato detto che ancora non c'è stata l'approvazione da parte della Football League, così il mio progetto si è concluso e ho rassegnato le dimissioni. Rivolgo i miei migliori auguri ai tifosi, ai miei giocatori e allo staff tecnico per il futuro".

Sullo stesso argomento