thumbnail Ciao,

Il regista italiano avrebbe chiesto un sensibile ritocco dell'ingaggio attualmente percepito a Parigi, dirigenti irritati. Nani ai ferri corti con lo United, Juve vigile.

Matrimonio decisamente burrascoso quello tra Marco Verratti e il Paris Saint Germain. Dopo le dichiarazioni non proprio d'amore rilasciate nei confronti del club francese dal giovane regista azzurro al termine del match giocato dall'Italia contro l'Olanda, nuove nuvole (bianco)nere si stagliano sopra la Torre Eiffel.

Verratti infatti, secondo quanto riportato oggi da 'Tuttosport', starebbe per chiedere ufficialmente un sostanzioso ritocco dell'attuale ingaggio, che si aggira poco sotto i due milioni di euro netti a stagione. Ingaggio di molto inferiore alla media Psg.

Forse già la settimana prossima gli agenti del regista potrebbero dunque partire all'attacco della dirigenza parigina, formalizzando la richiesta di un aumento che dovrebbe portare il giocatore a gudagnare una cifra vicina ai tre milioni netti.

Il Psg dal canto suo non avrebbe nessun problema a corrispondere a Verratti la cifra richiesta, ma ciò che continua a non piacere è l'atteggiamento del ragazzo, che sembra non essersi ancora calato nella realtà parigina e continua a strizzare l'occhio alla nostra Serie A.

Non è un mistero poi come, sotto traccia, Marotta e Paratici continuino a lavorare per portare alla Juventus quello che, già dalla scorsa estate, è ritenuto l'erede naturale dell'immenso Andrea Pirlo. Il prezzo del cartellino di Verratti è schizzato su fino alla ragguardevole cifra di venti milioni, cifra che però assicurerebbe ai bianconeri un giocatore di enorme talento e con ancora ampissimi margini di miglioramento.

Non si vive di solo Verratti comunque dalle parti di Torino, dove gli uomini mercato della Vecchia Signora continuano a monitorare con attenzione il polacco Robert Lewandowsky, seguito anche nel match di Champions giocato dal Borussia contro lo Shakhtar. Sull'attaccante giallonero però Bayern e Manchester United al momento sembrano in deciso vantaggio.

A Donetsk gli occhi erano puntati peraltro anche su Alex Texeira, gioiello di casa ucraina e molto gradito ad Antonio Conte. Nomi questi che non pregiudicano un futuro assalto ai vari Jovetic, Sanchez, Suarez e Muriel.

Infine resta da tenere sotto stretta osservazione il caso Nani, portoghese ormai in rotta con Ferguson e lo United, e che piace tantissimo al mister bianconero. Chissà che dopo Pogba la prossima estate non tocchi all'esterno lusitano ripercorrere con successo la tratta Manchester-Torino.

Sullo stesso argomento