thumbnail Ciao,

Il brasiliano spera sempre di tornare al Santos: potrà farlo se i rossoneri non passeranno l'ostacolo Barcellona. Ma intanto per la sfida ai catalani può tornare utile...

Come cambiano le prospettive in poco tempo. A fine dicembre e inizio gennaio Robinho era convinto che a breve avrebbe potuto riabbracciare il 'mare di Santos'. Un mese e mezzo dopo, il brasiliano è ancora al Milan. Triste, fuori forma e ai margini della formazione titolare. Il suo destino, ora, è legato alla Champions League.

Balotelli ha già giocato con il Manchester City, quest'anno, e nella doppia sfida contro il Barcellona non potrà dunque esserci. Per cui, con meno punte a disposizione di Allegri, Robinho può legittimamente aspirare a ritagliarsi uno spazio, assieme all'intoccabile El Shaarawy e ai meno indiscussi Bojan e Pazzini

L'impressione, dunque, è che proprio l'eventuale passaggio del turno in Champions League possa convincere il brasiliano a lasciar da parte i propositi - sempre vivi - di un ritorno in patria, e Allegri, che pure non ha mai nascosto la sua predilezione per lui, a rilanciarlo con decisione, dopo i soli 53' totali disputati nel 2013.

Occhio, però: il mercato brasiliano si conclude a fine marzo, e dunque di tempo per finalizzare una cessione che a gennaio non si è concretizzata c'è ancora. Il Milan chiedeva 10 milioni di euro, cifra non raggiunta dal Santos. Ma trovare un accordo a metà strada, in una situazione così, non appare più impossibile.

Sullo stesso argomento