thumbnail Ciao,

Le parole di Mino Raiola aprono ad un ritorno, quasi impossibile però, di Ibra. Intanto, la Juve continua la caccia ai giovani: si puntano Icardi e Belfodil, Doria è vicino

Nonostante il calciomercato sia terminato da appena due giorni, la Juventus è già al lavoro per cercare di definire quello che dovrà essere il parco attaccanti per la stagione 2013-2014. Dopo aver acquistato a parametro zero Fernando Llorente, è caccia ad un altro attaccante. La volontà è quella di puntare su un giovane, ma nelle ultime ore Mino Raiola ha aperto ad un clamoroso scenario: il ritorno di Zlatan Ibrahimovic.

L'agente del calciatore svedese, infatti, ai microfoni di 'Radio Radio' ha dichiarato che "nulla è impossibile, nemmeno il ritorno di Zlatan alla Juve". Non impossibile, ma fantamercato per almeno due motivi: il costo del cartellino e l'ingaggio faraonico percepito da Ibrahomovic. Ma se consideriamo che Raiola ha portato a termine molte trattative apparentemente impossibili, iniziate con dichiarazioni simili, allora niente è veramente impossibile.

Tornando alla realtà, Marotta e Paratici scrutano attentamente una lista di giovani attaccanti: Immobile e Boakye, classe 1990 e 1993, entrambi in compartecipazione con il Genoa, Manolo Gabbiadini, classe 1991, in compartecipazione con l'Atalanta, Belfodil, 1992 di proprietà del Parma, e Icardi, classe 1993 sotto contratto con la Sampdoria.

Con uno tra Matri e Quagliarella, o forse entrambi, in partenza a giugno, è molto probabile che due tra questi cinque approdino in bianconero nella prossima sessione di mercato. Antonio Conte stima molto Immobile, che ha già allenato ai tempi del Siena, e Manolo Gabbiadini, tanto che avrebbe voluto uno dei due già a gennaio.

Da non sottovaluatare la pista Icardi: Paratici e Marotta, dopo aver chiuso con il ds della Sampdoria, Carlo Osti, la trattiva riguardante Poli, hanno sondato il terreno per l'attaccante argentino, trovando grande disponibilità a trattare. Il prezzo è alto, tant'è che la società doriana ha rispedito al mittente due proposte del Napoli, 5 milioni per la comproprietà e 12 per tutto il cartellino. Dunque, da qui a giugno sarà duello Juve-Napoli anche per Icardi, oltre che per lo scudetto.

Più difficile, invece, il discorso per Ishak Belfodil: la richiesta di 20 milioni o 13 più Quagliarella ha fatto arenare la trattativa, almeno per gennaio, mentre a giugno non è da escludere che le due società ricomincino a trattare.

L'operazione linea verde, iniziata da Marotta e Paratici, prosegue: dopo aver chiuso per Josè Cevallos, 18enne trequartista che sino a domenica sarà impegnato con l'Ecuador nel girone finale del Sudamericano Sub 20, Hasan Pepic, esterno offensivo di nazionalità montenegrina e Vajebah Sakor, sedicenne centrocampista norvegese che ha stregato gli osservatori bianconeri durante la Next Generations Series, la Juve è già alla caccia di altri giovani talentuosi.

Mattheus, 18enne centrocampista del Flamengo e figlio di Bebeto, è molto vicino, nonostante si sia arenata per motivi economici la trattativa che sembrava chiusa. Operazione soltanto rimandata a giugno. Un altro brasiliano sembra essere molto vicino: si tratta di Matheus Doria, anch'egli classe 1994, di proprietà del Botafogo. Più difficile, invece, l'arrivo di Nicolas Castillo: le richieste dell'Universidad de Chile sono alte e la concorrenza è folta.

Sullo stesso argomento