thumbnail Ciao,

La Sampdoria ha tenuto duro, confidando in un ulteriore aumento del valore del cartellino dell'attaccante argentino. E nella prossima estate sarà battaglia a tre con l'Inter...

Si può essere uomo mercato delle ultime ore prima del gong senza poi effettivamente trasferirsi? Certo che sì, se ci si chiama Mauro Icardi e si è letteralmente esplosi a suon di goal a neanche 20 anni.

Il gioiellino della Sampdoria, che i rumors danno parecchio 'affascinato' dalle sirene della colonia argentina dell'Inter, è stato infatti oggetto di battaglia selvaggia tra Juventus e Napoli, con rilanci e controrilanci arrivati sul tavolo di Corte Lambruschini.

Per gli azzurri, come capita sempre per le operazioni importanti, si è mosso in prima persona il presidente Aurelio De Laurentiis, con la forza di tutta la liquidità che in questo momento ha il Napoli: a Edoardo Garrone è arrivata una prima offerta di 12 milioni per l'intero cartellino, poi una seconda di 5 per la metà, entrambe con la disponibilità a lasciare il ragazzo fino a giugno in blucerchiato ed entrambe rifiutate.

La Juventus d'altro canto non si è spinta oltre i 5 milioni per la metà, dopo un primo tentativo (respinto) di inserire Alessandro Matri nella trattativa. Ma la Samp ha resistito a tutte le sirene, convinta di avere tra le mani un tesoro che può solo aumentare di valore da qua a giugno.

In ogni caso è chiaro che se ne riparlerà tra qualche mese, con l'Inter a fare da terzo incomodo e la Juventus a giocarsi un bel jolly: secondo 'Tuttosport', infatti', Beppe Marotta avrebbe ottenuto una sorta di 'opzione morale' su Icardi, nel senso che l'Ad bianconero sarà il primo e l'ultimo interlocutore che la Samp ascolterà nella prossima estate.

Sullo stesso argomento