thumbnail Ciao,

Il patron nerazzurro è euforico dopo il tris di colpi che hanno rafforzato l'organico a disposizione di Stramaccioni. Adesso gli obiettivi del club, a suo dire, cambiano...

I tre colpi effettuati sul mercato gli hanno restituito la voglia di primeggiare, anche se forse non se n'era mai andata. Massimo Moratti è visibilmente soddisfatto della campagna di rafforzamento portata avanti dalla sua Inter, e non si nasconde. Adesso gli obiettivi del club cambieranno, e mister Stramaccioni farà bene a tenerne conto. Bisognerà guardare in alto, sempre più in alto.

"Se adesso il terzo posto è più vicino? No, io penso al primo", ha spiegato sorridendo il patron nerazzurro, intervenuto in serata ai microfoni di 'Sky'. Il tris di colpi Schelotto-Kuzmanovic-Kovacic lo ha evidentemente messo di buonumore. Inutile nascondersi, quest'Inter, secondo il presidente, può dare seriamente fastidio alla Juventus.

Gli elogi più significativi se li merita il più giovane del terzetto, ovvero Mateo Kovacic: "E' un giocatore speciale, io l'ho apprezzato molto. E' giovane, ha un'ottima tecnica ed è completo sotto tutti i punti di vista. E' anche un calciatore elegante, ha qualcosa di speciale, di diverso dal solito. Fa parte a tutti gli effetti del nostro progetto, lui è felicissimo di essere con noi. Abbiamo voluto prendere elementi che potessero essere utili per il nostro tipo di gioco".

Questo invece il suo parere sugli altri neoacquisti: "Schelotto è proprio quello che voleva l'allenatore per rafforzare la fascia destra. E Kuzmanovic, nonostante sia ancora abbastanza giovane, ha una buona esperienza. Ci è già piaciuto nell'allenamento di oggi, siamo contenti".

Sullo stesso argomento